Parma: Bangladesh, la solidarietà costruisce luoghi

Parma: Bangladesh, la solidarietà costruisce luoghi

PARMA - "Una iniziativa semplice ma straordinaria". L'opera di ricostruzione che il  Filodijuta è riuscito a fare in Bangladesh, sta tutta in questa frase che Gabriele Ferrari, assessore alla cooperazione internazionale della Provincia di Parma, ha pronunciato illustrando l'esito del "piccolo miracolo" compiuto dall'associazione di volontariato parmense. In soli 5 mesi,  con i 13.362,23 euro raccolti anche grazie al passaparola di trasmissioni come "Che tempo che fa"  e "Alle falde del Kilimangiaro", è stata data una nuova possibilità di vita a 430 persone ricostruendo 1 scuola e  68 capanne; sistemando altre 18 abitazioni e le scuole situate nei 5 villaggi di Kolisha, Pankali, Khona, Achabhua e Guna nel distretto di Khulna.


A rendere conto del progetto realizzato nel sud del Bangladesh, dove l'associazione opera da qualche anno con un progetto Lekaphora Shikbo-scuole e dove Alessandro Mussini, volontario, è stato testimone del disastro, sono state Lorena e Vania Sghia, rispettivamente presidente e segretaria del Filodijuta.

 

Proprio il legame con quel paese e le relazioni avviate con la popolazione dei villaggi ha consentito un intervento rapido e mirato raccontato oggi dalle due volontarie.  A fine novembre 2007 il ciclone colpisce pesantemente il sud-ovest del Bangladesh. La prima azione del filodijuta sono i sopraluoghi nei villaggi appartenenti al progetto Lekaphora Shikbo per una stima dei danni. Il 2 dicembre è stata fatta la prima trance di acquisti per iniziare la ricostruzione delle capanne distrutte. Bamboo, lamiere per tetti e intrecciato di bamboo per pareti è il materiale che è stato utilizzato. Dal 7 al 12 dicembre è avvenuta la distribuzione del materiale nei 5 villaggi, e il 13 sono iniziati i lavori di ricostruzione nel villaggio di Kolisha.

 

Il gruppo di lavoro, costituito da nove falegnami, un supervisore, un coordinatore e un responsabile dell'opera di ricostruzione, ha iniziato i lavori il 13 dicembre nel villaggio di kolisha, poi a Pankali per proseguire nel villaggio hindu di Achabhua. A gennaio l'intervento nel villaggio di Khona ha compreso la costruzione della nuova scuola di Chunkhury. L'opera di ricostruzione è terminata nel villaggio di Guna il 14 marzo 2007.

 

" Grazie al lavoro dell'associazione è stato possibile realizzare un progetto utile e positivo, fondato su una relazione di reciprocità  fra territori - ha sottolineato Ferrari -  Una missione di soccorso in cui i contenuti e la sostanza, i tempi rapidi con cui è stata eseguita l'opera di ricostruzione, fanno onore a questa piccola realtà che è riuscita a dare una risposta importante all'altezza delle grandi associazioni che opera nella cooperazione internazionale".

Il Filodijuta conta circa 200 soci e un direttivo di 7 persone. Le relazioni con il Bangladesh sono attive dal 1998 mentre l'associazione è stata costituita nel 2005.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -