Parma: dalla Provincia 877mila euro per il sistema scolastico

Parma: dalla Provincia 877mila euro per il sistema scolastico

PARMA - Dalla Provincia arrivano altri 877mila euro per il sistema scolastico del nostro territorio: la cifra complessiva esatta degli investimenti approvati dalla giunta di piazza della Pace è di 877.489,36 euro, che vanno ad aggiungersi ai numerosi altri già effettuati dall'amministrazione a favore di istituti di città e provincia.


Ad asili nido e scuole dell'infanzia andranno in totale 374mila euro. 254mila, destinati a progetti di miglioramento complessivo delle scuole dell'infanzia paritarie private, sono stati assegnati alla Fism - Federazione italiana scuole materne (per un progetto relativo a tutte le materne paritarie private della provincia aderenti alla Federazione) e alla Scuola dell'infanzia Scoiattolo gestita dalla cooperativa Proges, 31.700 sempre alla Fism provinciale e alla Cooperativa Proges per il sostegno a figure di coordinamento pedagogico con attività prevalente nelle scuole dell'infanzia, e 87mila a scuole del territorio che hanno presentato 25 progetti di qualificazione delle materne.

 

Oltre mezzo milione di euro (per l'esattezza 503.356,63 euro) è invece destinato alle scuole superiori, sulle quali la Provincia ha competenza diretta. Interventi di adeguamento e manutenzione riguarderanno l'Istituto magistrale Sanvitale e l'Isiss Giordani di Parma, l'Itis Galilei di San Secondo, l'Istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore, l'Itsos Gadda di Fornovo e Langhirano. Oltre 67mila euro saranno impiegati per opere di messa in sicurezza e di installazione o integrazione di impianti di videosorveglianza in istituti del territorio: ne saranno interessati, tra gli altri, l'Istituto d'arte Toschi di Parma, l'Itis di San Secondo e l'Itsos di Fornovo.

 

"La scuola è una delle priorità di questa legislatura, e il continuo impegno economico della Provincia lo dimostra - commenta l'assessore provinciale alle Politiche scolastiche Gabriele Ferrari -. Abbiamo investito tantissimo sull'edilizia scolastica, con interventi in provincia e in città, perché riteniamo che le strutture siano fondamentali, una pre-condizione essenziale della qualità della scuola: per i ragazzi e per i docenti, poter imparare e insegnare in ambienti il più possibile confortevoli e all'avanguardia è, credo, tutt'altro che secondario. Così come non è secondario il tema della sicurezza, sul quale siamo impegnati: anche la sicurezza degli ambienti e delle persone è parte della qualità della scuola".  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -