PARMA - I gemellaggi europei, un’opportunità per gli enti locali

PARMA - I gemellaggi europei, un’opportunità per gli enti locali

PARMA - Il gemellaggio? Un’opportunità concreta, positiva, di sviluppo per il territorio. Questa l’idea di fondo emersa oggi dal primo di due incontri organizzati dall’Ufficio Europa della Provincia sul tema. “L’Europa per gli enti locali. I Gemellaggi: esperienze e strumenti a supporto dei gemellaggi europei” il titolo dei due appuntamenti, il secondo dei quali si svolgerà giovedì 24 aprile sempre nella sede di piazza della Pace


La Commissione Europea sostiene da anni i gemellaggi come strumento fondamentale di scambio e confronto tra gli enti locali e la cittadinanza europea. Unendo contenuti tecnici e presentazione di esperienze locali rilevanti, i due incontri si propongono come prima tappa di un percorso di informazione che vuole illustrare agli enti locali parmensi le opportunità di finanziamento europeo e di assistenza tecnica offerte dalla Provincia. Dalla ricerca del partner al finanziamento delle attività, dalle esperienze locali alla realtà regionale, un giro d’orizzonte davvero a 360 gradi, con particolare attenzione, appunto, al ruolo della Provincia a sostegno dei gemellaggi nel nostro territorio.


“Questa due giorni vuole diventare un appuntamento consueto sui temi dell’Europa e dei rapporti tra territori. Noi siamo convinti che le relazioni tra territori siano fondamentali, e che siano occasioni effettive di sviluppo: e perché lo siano davvero, e siano colte appieno, è importante che si lavori in modo efficace, e che ci sia un sistema provinciale coeso aperto anche alla collaborazione con territori vicini”, ha detto in apertura Gabriele Ferrari, assessore alle Relazioni internazionali e alla cooperazione decentrata. Accanto a lui, lo staff dell’Ufficio Europa: la coordinatrice Luna Fragomeni e i funzionari Giacomo Magnanini, Silvia Salomoni e Sabrina Sabatini. “Come esempio dei legami costruiti in questi anni dalla Provincia – ha continuato Ferrari - vorrei citare quelli con la Romania e quelli con la Rete Sern. Sono due casi tra i tanti, rilevanti perché dentro queste due relazioni c’è lo spazio per una collaborazione che coinvolga tutti: Comuni, Provincia, scuole, imprese, università, attività commerciali. Si tratta di un modello molto significativo, e nella misura in cui sapremo farlo crescere diventerà qualcosa di importante per l’intero sistema territoriale”.


Dopo il saluto dell’assessore Ferrari, il tema dei gemellaggi è stato inquadrato dai funzionari dell’Ufficio Europa. A seguire, la presentazione di esperienze locali relative ai Comuni di Borgotaro, Fontanellato, Traversetolo: per Borgotaro è intervenuto il sindaco Salvatorangelo Oppo, per Fontanellato l’assessore ai Gemellaggi e alla Scuola Francesco Trivelloni, per Traversetolo il direttore generale Anna Messina e la responsabile del progetto Laura Avanzi. Le conclusioni sono state affidate all’Ufficio Europa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo approfondimento sui gemellaggi europei è previsto per il 24 aprile, a partire dalle 10, nella Sala Savani della Provincia.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -