PARMA – “Il farmaco giusto al paziente giusto”. Sabato 10 un convegno farà il punto sulla farmacogenetica

PARMA – “Il farmaco giusto al paziente giusto”. Sabato 10 un convegno farà il punto sulla farmacogenetica

Parma - E’ probabile che in un prossimo futuro, per ogni prescrizione medica, sarà richiesto un test del DNA, che indichi se il soggetto è sensibile o meno ad un certo farmaco. Sarà la farmacogenetica a cambiare radicalmente il modo con cui i farmaci non solo saranno somministrati, ma addirittura progettati. Il farmaco giusto, al paziente giusto, quindi, senza più possibili effetti collaterali o rischi di scarsa efficacia.


E’ proprio per far chiarezza su questo argomento, destinato ai medici di medicina generale, agli specialisti e al personale sanitario, che sabato 10 marzo, presso la sala convegni dell’Ospedale di Fidenza – località Vaio, avrà luogo, a partire dalle ore 9.30, un importante convegno dal titolo “Farmacogenetica: verso la personalizzazione della terapia”, organizzato dall’U.O. di Urologia diretta dal Dr. Domenico Potenzoni. Relatore di questo appuntamento sarà uno dei massimi esperti del settore della farmacogenetica, il Prof. Diego Fornasari, docente presso il dipartimento di farmacologia dell’Università di Milano, che parlerà di farmacogenetica molecolare e clinica, un percorso destinato a portare alla personalizzazione della terapia medica. Diego Fornasari ha lavorato come ricercatore presso la Yale University negli Stati Uniti, occupandosi di medicina molecolare ed è responsabile del laboratorio che studia i meccanismi di relazione dell’espressione genetica nel sistema nervoso autonomo e le basi genetiche della risposta individuale ai farmaci.


Ma cos’è la farmacogenetica? “La risposta ai farmaci – risponde Potenzoni – non è uguale per tutti i pazienti, sia in termini di efficacia, che di tollerabilità. Negli anni ’50 si iniziò ad ipotizzare che i geni fossero i fattori responsabili di queste diversità. Di conseguenza, la variabilità delle risposte ai farmaci avrebbe potuto essere il risultato delle differenze genetiche dei singoli individui. E’ da qui che si è iniziata a sviluppare questa disciplina, la farmacogenetica, che studia le variazioni della sequenza del DNA nei pazienti in relazione alla varietà delle risposte ai diversi farmaci somministrati. Ecco quindi – continua il medico – che l’applicazione pratica di ciò che proviene dalla ricerca in farmacogenetica porta a predire la risposta del paziente ad un certo farmaco: sulla base di un test genetico di routine si tende ad individualizzare la terapia giusta”.


Ma qual è il campo medico dove la farmacogenetica molecolare e la personalizzazione della terapia genetica trova il suo maggior riscontro? “Sicuramente il campo oncologico. – afferma Potenzoni – Anche nel nostro settore, quando ci troviamo a dover affrontare un tumore, il poter personalizzare la terapia medica seguendo le indicazioni della farmacogenitca ci permetterà di migliorare la risposta clinica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ricerca in farmacogenetica ha subito un incremento importantissimo in questi ultimi anni, anche grazie agli sviluppi nella ricerca genetica, dovuta alla conoscenza delle sequenze del genoma umano. Se da una parte l’impiego del DNA ricombinante consente di creare nuovi farmaci, dall’altra può ottimizzare farmaci già utilizzati, rendendo più facile la loro assunzione. Infatti, spesso, i pazienti hanno risposte diverse allo stesso farmaco somministrato per la medesima patologia. E’ calcolato che gli effetti collaterali di un farmaco costituiscono un importante causa di morbilità nei paesi occidentali. Ecco dunque lo scopo del convegno: approfondire questa nuova frontiera, la farmacogenetica, capace di studiare il modo per evitare le complicanze e per arrivare quindi ad una terapia personalizzata”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -