PARMA - Lavori a tempo di record per il nuovo Ponte fra Medesano e Collecchio

PARMA - Lavori a tempo di record per il nuovo Ponte fra Medesano e Collecchio

PARMA - Tutto secondo i piani. I lavori del nuovo Ponte sul Taro sul Taro proseguono con la massima celerità e dopo che a fine settembre il sopralluogo aveva consentito alle autorità di camminarci su, oggi il Presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli e l’assessore alle infrastrutture Ugo Danni hanno potuto percorrerlo a bordo di un’auto.


“A distanza di un anno dalla prima visita al cantiere possiamo oggi vedere l’opera che si sta avviando alla conclusione – ha detto Danni – si è terminato di realizzare tutto l’impalcato e ora l’intero tratto è percorribile dai mezzi dell’impresa alla quale diamo atto di aver lavorato davvero bene”.


Si cominciano dunque a contare i mesi che mancano alla fine di un’opera realizzata in tempo record, dall’avvio dei lavori nel novembre del 2005 al giugno del 2008 quando è prevista la consegna dell’opera. Proprio il rispetto dei tempi ha fatto ipotizzare all’assessore provinciale Danni la data del 1° luglio come giorno in cui aprire la vibilità fra due parti del territorio parmense fino ad ora separate dall’acqua.


“Questa infrastruttura una volta completata, cambierà l’assetto viario della provincia migliorando i collegamenti dell’intero territorio. La stessa pedemontana potrà beneficiare di collegamenti più rapidi e adeguati, il traffico sulla via Emilia sarà alleggerito e creerà un’opportunità collegamento intervallivo per la montagna. – ha sottolineato il presidente Vincenzo Bernazzoli.

Il nuovo ponte è un’infrastruttura da oltre 40 milioni di euro, lungo 1170 metri, che sovrappassa il fiume Taro e l’autostrada A15. E’ costituita da 22 campate larghe 54 metri ciascuna. Nelle sole travi sono stati impiegati 4 milioni e mezzo di kilogrammi di ferro, 2 milioni di nell’impalcato appena finito.


A visionare il buon andamento dei lavori questa mattina si sono dati appuntamento sul lato di Medesano insieme al presidente Vincenzo Bernazzoli e all’assessore Ugo Danni, i sindaci di Noceto Fabio Fecci accompagnato dall’assessore Giuseppe Pellegrini, il sindaco di Medesano Roberto Bianchi con l’assessore ai Lavori pubblici Stefano Paglia, l’assessore di Collecchio Franco Ceccarini con l’ing. del comune Alessandroil capogruppo del consiglio provinciale Gianluca Armellini (Fi), l’ing. Antonio Montepara, consulente per la realizzazione dell’opera, i tecnici della Provincia guidati dall’ingegner Ermes Mari, dirigente del servizio viabilità e direttore dei lavori, il personale dell’impresa che sta realizzando l’opera a partire dal capocantiere Arnaldo Luchetti. Bertani,


Il ponte è di fatto il primo segmento della rete viabile che dovrà essere completata con le tangenziali di Noceto e di Medesano. La prima è tra le opere complementari previste nella realizzazione della bretella autostradale del TIBRE e sia la progettazione definitiva che la realizzazione saranno ad opera di Autocisa. E’ invece stato già presentato il progetto preliminare della tangenziale di Medesano, i cui costi della progettazione sono stati sostenuti da Provincia e Comune. Successivamente verrà affrontato il completamento della pedemontana e la tangenziale di Fornovo oltre alla questione del casello di Medesano.


La lunghezza totale del nuovo tracciato è di 4,7 chilometri e comprende anche due sotto-assi: uno all’altezza del tracciato della ferrovia Fornovo-Fidenza, l’altro nei pressi della strada Comunale Carmelitana a Collecchio.


Al ponte sono legati anche tre nuove rotatorie: una sulla SP357R Noceto-Medesano, un’altra sulla strada comunale delle Ghiaie nel comune di Medesano ed una terza sulla statale 62 della Cisa nel comune di Collecchio.




Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -