Parma: nella 'bassa' un mese goloso

Parma: nella 'bassa' un mese goloso

PARMA - La "bassa" parmense ha prodotti di eccellenza, fra cui il Culatello di Zibello Dop, che vuol far conoscere al maggior numero di persone e buongustai alcuni suoi "parenti poveri", ovvero salumi meno famosi, però capaci di deliziare i palati.

Per valorizzare tali salumi e fornire occasioni turistiche, la Strada del Culatello di Zibello propone "November Porc ... speriamo ci sia la nebbia!", la staffetta più golosa d'Italia.

 

«E' la sfida vinta dalla Bassa -ha sottolineato Gabriella Meo, Assessore provinciale al turismo presentando a Parma, venerdì 31 ottobre, la kermesse assieme ai quattro Sindaci- che oggi è un territorio capace di mettere in mostra paesaggio, paesi, prodotti specifici e, attraversoquesta manifestazione, attirare tantissima gente». «Fra i visitatori -ha aggiunto Manuela Amadei, vice presidente della Strada del Culatello e Sindaco di Zibello- quest'anno ci saranno anche stranieri». Amadei ha riferito la novità del 2008: ogni giovedì precedente la "tappa" al Parma Point, il punto di informazione aperto sul fianco della sede della Provincia di Parma, alle ore 17.30, si terrà un aperitivo degustazione in cui ognuno dei Comuni offrirà un assaggio del  maxi salume (giovedì  6 novembre sarà Sissa con il mariolone, poi le altre località).

 

Novembre Porc è una manifestazione che si tiene in quattro località distinte nei quattro fine settimana di novembre (una città ogni week end), autentico appuntamento del mangiare bene e dell'allegria, dove ogni domenica sarà possibile assaggiare (gratuitamente) un maxisalume e con il sabato sera dedicato ai giovani.

 

Si inizia a Sissa (8 e 9 novembre) con un'enorme Mariola (ribattezzata Mariolone), poi si va a Polesine Parmense (15 e 16) con il MaxiPrete, ci si trasferisce a Zibello (22 e 23) con lo Strolghino più lungo, per finire a Roccabianca (29 e 30 novembre) con una Cicciolata super.

Novembre Porc si apre al sabato con l'apertura dei mercati che avranno caratterizzazioni specifiche, perché ogni località propone qualcosa di diverso e interessante: Sissa proporrà Prodotti Biologici Naturali "Antichi Sapori e Tradizioni"; Polesine (dove la festa è sull'argine del Po) si orienterà più sul pesce e sui prodotti del Po; Zibello punterà sulla migliore salumeria italiana; Roccabianca ricorrerà al fascino di infusi, spezie e distillati. In ognuna delle località si esporranno (e venderanno) tipiche produzioni della bassa (Strolghino Spalla, Parmigiano, Prete, vino Fortana IGP) affiancate da importanti prodotti di quasi tutta Italia provenienti dall'Alto Adige come dalla Sicilia, dall'Umbria come dal Piemonte, tanto per citare: Torrone e Mostarda dall'altra sponda del Po (Cremona), Prosciutto toscano, Toma piemontese e valdostana, Tartufo di Acqualagna, Focaccia della Lunigiana.

Alle ore 18 verranno aperti gli stand gastronomici che presenteranno degustazioni (a pagamento) in tema con la specificità della località. Intorno alle ore 22 inizierà lo spazio giovani (al coperto). Il sabato notte è riservata ai giovani, alla loro musica (con le dirette dei dj di Radio Malvisi e poi concerto dal vivo) e a stuzzichini annaffiati da birra. Dalla stazione ferroviaria di Parma alle ore 21.30 partirà un bus per le varie località con ritorno a fine serata per evitare ai ragazzi di guidare di notte.

Domenica c'è la riapertura dei mercati (dalle ore 9 alle 20), alle ore 12 iniziano i pranzi. Interessante a Sissa la presenza di più stand gastronomici: da quello centrale de La Fornace, a quello dell'Avis, della Protezione Civile, dell'Associazione Giovani e anziani a Il Sapore del Taro. Intorno alle 15.30 assaggi gratuiti dei maxi salumi. I volontari che preparano Mariolone, Pretone, Strolghino e Cicciolata, cercheranno di superare i "pesi" del 2007, quando lo Strolghino si attestò su una lunghezza di poco superiore ai 500 metri, la Mariola ad oltre 90 chili, il Prete raggiunse quota 320 chili e la Cicciolata pesava più di 120 chilogrammi.

A Sissa, domenica mattina, si potrà assistere alla preparazione del Parmigiano Reggiano e alla lavorazione del maiale, Zibello risponderà con la dimostrazione da parte di esperti macellini delle fasi che portano a trarre dalla coscia del maiale sua Maestà il Culatello. Nelle quattro città, poi, ci saranno spazi e animazione per i più piccoli, senza trascurare l'intrattenimento per gli adulti. Si possono segnalare il "Tiro al Salame", la mongolfiera Lampogas e le escursioni "a piedini nella Bassa".  Domenica ci saranno dei bus navetta da e per la stazione ferroviaria di Parma. La domenica mattina si potrà navigare gratuitamente da Cremona verso Polesine o Torricella e raggiungere le località di Novembre Porc con navette, il ritorno a Cremona avverrà in bus alle 18.30.

Prosegue anche quest'anno "A Tavola con November Porc": per tutto novembre, sedici ristoranti della Strada del Culatello di Zibello proporranno menu tematici a base di maiale e le loro interpretazioni dei piatti tipici a prezzi contenuti.

 

Sono stati predisposti "Pacchetti turistici", per info e prenotazioni: Parma Incoming 0521 298883; Va Pensiero Viaggi 0524 91708; Food Valley Travel 0521 798515.

November Porc è organizzato dalla Strada del Culatello di Zibello, con il contributo di Regione Emilia Romagna, Provincia di Parma, Camera di Commercio, Banca del Monte, Ascom, Comuni di Sissa, Polesine P., Zibello e Roccabianca, in collaborazione con TEP, Lampogas, Parma Turismi, Ganter, Annoni, Prosus, Sassi, Antica Corte Pallavicina, Martelli, Telecolor.

 

Per ogni informazione: 0524 939081

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

e mail: info@stradadelculatellodizibello.it ; sito: www.novemberporc.com

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -