Parma: Paip, la conferenza dice si

Parma: Paip, la conferenza dice si

PARMA - Si è chiusa con un parere favorevole, oggi a Parma in Provincia, la Conferenza dei servizi che ha eseguito la valutazione di impatto ambientale (Via) e l'autorizzazione integrata ambientale (Aia) sul Polo ambientale integrato, il progetto di Enia Spa che prevede la realizzazione di un termovalorizzatore nel capoluogo.
A darne notizia nella sala Giunta dell'Ente il Presidente della Provincia di Parma Vincenzo Bernazzoli insieme all'assessore all'ambiente Giancarlo Castellani e all'ing. Gabriele Alifraco dirigente del servizio provinciale Ambiente che ha presieduto la Conferenza.

" Si è realizzato un altro passo importante per il governo del territorio, uno dei punti critici che ci eravamo impegnati a risolvere.". Bernazzoli non nasconde la propria soddisfazione e spiega il perché: " Anche una realtà avanzata come la nostra, civicamente all'avanguardia, si trova nella impossibilità di gestire i rifiuti che produce. Siamo al kg zero, per così dire,  nel senso che non smaltiamo niente. Ciò è particolarmente grave, ci espone a dei rischi che solo la solidarietà delle altre province ci ha permesso di evitare. Questo ci deve ricordare che una realtà come la nostra, anche se avanzata, deve arrivare a stringere accordi ampi e prendere delle decisioni per governare processi complessi come questo".

Il Presidente ricorda la strategia adottata dalla Provincia e contenuta nel Piano di Gestione rifiuti. "Ci siamo dati l'obiettivo di aumentare la differenziata e i risultati ci permettono di essere all'altezza delle migliori realtà, con risultati significativi: più 7% nel 2007, con comuni in testa al 70% e la media provinciale al 43%." Risultati secondo Bernazzoli non ottenuti a caso ma grazie alla coerenza e a scelte importanti come quelle della riduzione dei rifiuti, il secondo obiettivo su cui cominciano a arrivare risultati e che vedrà nei prossimi giorni la Provincia protagonista di un importante accordo con la grande distribuzione per ridurre imballaggi e confezioni.

Il passaggio compiuto oggi va chiudere l'ultimo anello che mancava a questa strategia complessiva e che consentirà di smaltire la quota di rifiuti restante, 130mila tonnellate nel 2007 .

"La Provincia aveva il compito di garantire attraverso la Conferenza dei servizi che il progetto di Enia fosse il migliore possibile. - continua Bernazzoli -   La garanzia che possiamo dare è che si è lavorato molto e bene, si sono affrontati tutti i temi e si è saputo arrivare ad una conclusione. Sono contento perché abbiamo potuto permettere a questo territorio di esprimere opinioni Quando si affrontano temi come questo è inevitabile che ci siano riserve e contrarietà. Sono temi che muovono molte sensibilità. Ho visto i Comuni affrontare seriamente il tema, con grande coraggio e capacità di intervento. I comitati hanno espresso il loro ruolo su ambiti specifici, la loro presenza è positiva perché permette di tenere alta la tensione e di arrivare al miglior risultato possibile".

L'impianto nasce per dare risposte alle esigenze di Parma e se è pur vero, come ha detto il Presidente della Provincia di Parma, che "nessuno può escludere l'emergenza" è però un impianto che servirà il territorio e smaltirà 130mila tonnellate l'anno fra rifiuti speciali e solidi.

Alla base dell'analisi sul dimensionamento, come ha spiegato l'ing. Gabriele Alifraco, sta soprattutto la tendenza di una maggiore produzione di rifiuti, e al fatto che non si vuole pregiudicare l'eventualità di bruciare i volumi stoccati nelle discariche "storiche" del territorio.

Concepito con tecnologia all'avanguardia, il Paip recupererà calore ed energia. Il camino sarà di 70 metri di altezza, in considerazione della vicinanza con l'aeroporto.

"L'opera prevede lo stoccaggio dei rifiuti che vengono preselezionati, come dice la nostra pianificazione, e successivamente ciò che non è recuperabile viene mandato al termovalorizzatore. La produzione di energia elettrica e calore andrà ad integrare quella prodotta nelle due centrali di via Santa Margherita e via Lazio, costituendo un sistema unico" - ha sottolineato Alifraco precisando che  - "Per quanto riguarda la criticità maggiore ovvero l'emissione in atmosfera, verrà eseguito un monitoraggio in continuo che permetterà di avere dati in tempi reali e ogni 12 mesi sarà effettuata la verifica delle performance con conseguente valutazione su un ulteriore abbattimento  dei limiti nei prossimi anni".

Fra le opere di mitigazione ci sarà anche un bosco sperimentale "mangiapolveri", di 29 ettari.  Una cassa d'espansione permetterà di abbattere ulteriormente il rischio di piena sul canale Naviglio. Sarà inoltre realizzato un impianto di depurazione del ciclo, che si connetterà al collettore fognario di Torrile, un nuovo sistema che sarà costruito al servizio dei Comuni della Bassa-est. In una casa colonica si pensa di creare un museo in cui raccogliere i reperti archeologici della zona.

"Dopo un lavoro puntuale e costante, caratterizzato da un confronto di merito significativo, abbiamo acquisito il consenso di enti autorevoli che si sono espressi ognuno  sulla base della propria competenza, rassicurando rispetto alla serietà del lavoro realizzato - sottolinea l'assessore provinciale all'ambiente Giancarlo Castellani -  Nulla è stato lasciato al caso. E' stato un lavoro difficile perché si tratta di un impianto complesso. Nei tempi giusti e grazie ad un'ampia conoscenza interdisciplinare siamo riusciti a mettere in fila tutti i punti del piano provinciale. Ora che il nostro compito è finito non significa che la nostra attenzione sarà dirottata altrove. Adesso parte il crono programma per realizzare l'impianto e noi misureremo la coerenza di quanto sarà realizzato".

Secondo le indicazioni di Enia si dovrebbe cominciare a costruire all'inizio del 2009 e a vedere ultimato l'impianto nel 2012. Alla Provincia spetterà il compito  del monitoraggio e il controllo, ma come ha detto lo stesso Bernazzoli, anche l'aspetto architettonico dell'impianto non sarà trascurato, in modo che ciò che la costruzione non impatti negativamente sul territorio.

 

  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -