Parma: Piano nazionale per la casa: No da 4 Province

Parma: Piano nazionale per la casa: No da 4 Province

PARMA - Grande preoccupazione e forte dissenso per le misure per la casa contenute nella "Manovra d'estate" del Governo (decreto legge 112 del 2008) sono stati espressi dai quattro assessori alla casa delle province di Parma (Ettore Manno), Piacenza (Paola Gazzolo), Modena (Maurizio Maletti) e Reggio Emilia (Marcello Stecco) in un documento congiunto che hanno sottoscritto nei giorni scorsi.


"Il piano nazionale del Governo ha come effetto immediato il blocco degli interventi già definiti dallo Stato e dalle Regioni - afferma l'assessore Ettore Manno - Questo significa fermare il recupero di 664 alloggi vuoti da destinare all'affitto nelle quattro Province, di cui 90 previsti nella provincia di Parma, e vanificare  il lungo lavoro fatto in sede locale e regionale, anche con la collaborazione delle Acer e dei Tavoli provinciali per la casa".

 

Il Comitato delle quattro Province ha chiesto alla Regione Emilia Romagna di difendere tutto il programma definito e di adoperarsi per la sua rapida attuazione, di ribadire che il patrimonio pubblico è proprietà dei Comuni che ne decidono l'utilizzo con il vincolo di non farlo diminuire, di sbloccare gli interventi già definiti, di approvare rapidamente il bando "3000 alloggi per l'affitto" ricercando risorse per la sua completa attuazione, di favorire misure e azioni per il risparmio energetico anche nell'edilizia pubblica e residenziale sociale, di perseguire la costruzione di un fondo rotativo regionale a sostegno delle politiche per la casa e l'affitto.

Gli assessori chiedono inoltre ai parlamentari eletti nei territori provinciali di farsi carico del problema favorendo politiche per la costruzione di un reale mercato per l'affitto a prezzi sostenibili e il rilancio di un piano nazionale per la casa. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -