PARMA - Ristrutturazione del ''Primo maggio'', si riapre il confronto

PARMA - Ristrutturazione del ''Primo maggio'', si riapre il confronto

PARMA - Che la struttura psichiatrica “Primo Maggio” di Colorno, così com’è, sia inadeguata ad offrire agli ospiti risposte appropriate e a tutti gli effetti rispondenti alle caratteristiche di un servizio moderno a tutela della salute mentale è evidente e noto a tutti.

Il Primo Maggio va ristrutturato, occorre garantire ai suoi ospiti il diritto di vivere e ricevere assistenza in ambienti confortevoli, adeguati, a norma.

I tempi sono maturi per riprendere il progetto, seppur datato – risale al 2004 - di riqualificazione della struttura, a suo tempo condiviso anche con le associazioni dei familiari degli utenti.

Il Comune di Colorno, infatti, ha inserito, quale elemento fondamentale della variante al piano strutturale, la riqualificazione dell’intera area dell’ex ospedale psichiatrico, che comprende anche gli edifici del Primo Maggio: residenza e appartamenti.

“Ci sono oggi le condizioni - afferma Maria Lazzarato, direttore generale dell’AUSL di Parma – per riprendere il progetto di ristrutturazione del Primo Maggio. Ripartiamo da quegli impegni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune di Colorno e l’AUSL, già dalla prossima settimana, inizieranno a prendere i primi contatti con le Associazioni dei familiari degli utenti, per ricercare, insieme a loro, la migliore soluzione per gli ospiti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -