PD: alleanze amministrative, per Bortolazzi (Pdci) "è un piccolo passo in avanti"

PD: alleanze amministrative, per Bortolazzi (Pdci) "è un piccolo passo in avanti"

BOLOGNA - "La decisione rispetto alle alleanze amministrative emersa sabato dall'assemblea regionale del Partito democratico è da prendere come un piccolo passo in avanti. E' positivo che quantomeno siano state sconfitte le posizioni più oltranziste di chi sosteneva l'autosufficienza a priori e che si prenda atto del fallimento della strategia veltroniana. Ciò non toglie che certi atteggiamenti siano tutt'altro che abbandonati ad altri livelli: penso ad esempio al caso dello sbarramento per le elezioni europee, dove ancora una volta l'asse Pd-PdL sta tentando di eliminare i comunisti e la Sinistra, ledendo in modo gravissimo il principio stesso di quella consultazione che è sempre stato la massima rappresentanza".

 

E' quanto dichiara in merito alle alleanze amministrative Donatella Bortolazzi, capogruppo del PdCI all'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna.

 

"Detto questo, sembra che almeno nella nostra regione finalmente si torni a parlare di coesione programmatica, rimettendo al centro la politica e valutando nel merito il lavoro svolto dalle singole amministrazioni. Credo che una posizione di questo genere possa essere soddisfacente anche per il mio Partito e per la Sinistra in generale: ove le coalizioni hanno funzionato, e il ruolo delle forze alternative è stato effettivamente percepito dai cittadini come utile e costruttivo, è bene che quelle alleanze vengano riproposte. Altrove invece, dove la Sinistra non è riuscita ad incidere e con la persistenza in maggioranza ha finito per logorarsi e perdere consenso sociale, è bene che ognuno si presenti davanti agli elettori per conto proprio e con una proposta politica chiara ed alternativa. Confinarsi a priori all'opposizione in un sistema che viaggia a vele spiegate verso un bipartitismo drogato equivarrebbe alla marginalità e costituirebbe un errore gravissimo, così come sarebbe sbagliato assumere atteggiamenti sempre e comunque ultra-governisti. Mi sento pertanto di auspicare che anche dal dibattito interno al mio Partito e alla Sinistra escano indirizzi specularmente simili a quelli del Pd, che permettano ai territori e alle singole esperienze locali di avere il più possibile libertà di manovra".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -