Pedaggi, Consiglio di Stato boccia gli aumenti

Pedaggi, Consiglio di Stato boccia gli aumenti

Pedaggi, Consiglio di Stato boccia gli aumenti

ROMA - Il Consiglio di Stato ha confermato lo stop agli aumenti dei pedaggi su autostrade e raccordi autostradali in gestione Anas decisi con la manovra economica, scattati lo scorso 1 luglio. Soddisfatto per la decisione il Codacons, che sollecita un rimborso per gli automobilisti che hanno pagato pedaggi maggiorati "altrimenti si configurerebbero veri e propri reati a danno degli utenti", ha detto il presidente dell'associazione dei consumatori, Carlo Rienzi.

 

Per il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, "anche il Consiglio di Stato conferma che le nostre argomentazioni erano giuste e sacrosante. Non solo, come poteva sembrare ovvio, dal punto di vista politico e sociale, ma anche da quello strettamente giuridico. Con la nostra forza e tenacia abbiamo vinto e dato un contributo determinante per seppellire questo odioso balzello che penalizzava in modo particolare chi vive, studia e lavora nel territorio romano".

I caselli nei quali era prevista la maggiorazione sono Roma nord, Fiano Romano, Roma est, Lunghezza, Settecamini, Ponte di Nona, Roma sud, Roma ovest, Maccarese Fregene, Nocera, Cava de Tirreni, San Gregorio, Buonfornello, Mercato S. Severino, Avellino est, Firenze-Certosa, Valdichiana, Ferrara sud, Benevento, Falchera, Bruere, Settimo Torinese, San Benedetto del Tronto, Chieti-Pescara, Pescara ovest Chieti, Lisert sulla A4.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -