"Pedofilia-omosessualità", la comunità gay contro Bertone

"Pedofilia-omosessualità", la comunità gay contro Bertone

"Pedofilia-omosessualità", la comunità gay contro Bertone

Hanno scatenato la dura reazione della comunità gay italiana e non solo le parole del segretario di Stato del Vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. Lunedì, a Santiago del Cile, il presule ha parlato del rapporto tra pedofilia, celibato e omosessualità. "Molti sociologi, molti psichiatri hanno dimostrato che non c'è relazione tra celibato e pedofilia, e invece molti altri hanno dimostrato che c'è una relazione tra omosessualità e pedofilia", ha detto Bertone.

 

"Si tratta - ha aggiunto - di una patologia che interessa tutte le categorie sociali, e preti in minor grado in termini percentuali". Il segretario di Stato di Benedetto XVI ha comunque ammesso che "il comportamento dei preti in questo caso, il comportamento negativo, è molto grave, è scandaloso". Bertone ha anche insistito nel sostenere che la Chiesa non ha mai tentato di nascondere i casi di abusi o di frenare le indagini, ricordando che papa Benedetto XVI ha incontrato alcune vittime alle quali ha chiesto perdono"in ripetute occasioni" ed è disposto a continuare a farlo.

 

LE REAZIONI - Indignata la reazione dell'Arcigay, secondo cui "l'equazione omosessualità-pedofilia, falsa, ignobile e anti-scientifica, è un'affermazione disonesta che colpisce la vita e la dignità di milioni di persone gay e lesbiche, confermando il cinismo, la mancanza di scrupoli e la crudeltà di quelle stesse gerarchie vaticane che hanno coperto per anni i crimini sessuali perpetrati in tutto il mondo da esponenti della chiesa contro la vita di migliaia di bambini e bambine innocenti". La deputata Pd Paola Concia ha espresso "indignazione: è davvero sconfortante che ancora oggi eminenti rappresentanti della Chiesa cattolica si lascino andare ad analisi così grossolane, proponendo tesi sbagliate, dannose".

 

SCRITTE CONTRO IL PAPA - Intano alla Germania giungono notizie di scritte oscene a sfondo sessuale "così offensive da non poter essere riportate" sono state trovate sui muri della casa natale di papa Benedetto XVI, nella cittadina bavarese di Marktl am Inn. Le scritte sono state fatte nella nottata tra lunedì e martedì con una bomboletta spray e sono state scoperte, secondo la polizia, da un passante. L'atto di vandalismo precede di soli tre giorni l'ottantatreesimo compleanno del Pontefice.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di alessio di benedetto
    alessio di benedetto

    OMOSSESSUALITA' E PEDOFILIA SONO DUE MONDI COMPLETAMENTE DIVERSI Il problema è ancor più occulto, più profondo: celando le pulsioni maniacali della pedofilia clericale, la Chiesa non cerca di difendere soltanto la sua eticità internazionale. Essa difende in tal modo il suo più oscuro retaggio, il suo fosco segreto �iniziatico�, consistente nel SACRIFICIO DELL�INNOCENTE, di cui è zeppa la sua tragica leggenda bimillenaria. Chi vorrebbe ascrivere la devianza pederastica clericale del sesso al celibato, individua soltanto la superficie del problema, dimenticando che la mancanza di una compagna, indurrebbe semmai a ricercare un rapporto con altre donne e non con bimbi, la cui età è delicatamente sospesa tra i 6 e i 12 anni. LA RELIGIONE CHE UCCIDE COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL�UMANITÀ

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -