Piacenza: tempo libero, scuola e famiglia nell'indagine 'Mondogiovani'

Piacenza: tempo libero, scuola e famiglia nell'indagine 'Mondogiovani'

PIACENZA - Come i ragazzi percepiscono e valutano il proprio tempo libero, la scuola, la famiglia? Come gli adolescenti vedono sé stessi? Come vivono affettività e sessualità? Qual è il loro rapporto con le sostanze psicoattive? Vedono o vivono situazioni di bullismo?
Sono questi alcuni dei temi che emergono da Mondogiovani, una ricerca realizzata dallo Spazio giovani del Sert di Piacenza.

 

I risultati dell'indagine - che ha visti coinvolti 2729 studenti di scuole superiori - saranno presentati sabato 31 maggio, dalle ore 10 alle 13 all'istituto Marconi di Piacenza da due operatori del servizio stesso: Alberto Genziani ed Emanuele Soressi. L'illustrazione - a cui sono invitati anche i mezzi d'informazione -  è rivolta a dirigenti scolastici e ei referenti per la promozione della salute nelle scuole, nonché agli assessori provinciali e comunali coinvolti nelle attività e nella formazione dei giovani.

 

La ricerca Mondogiovani si è svolta nell'ambito del programma Giovani dell'Azienda Usl  di Piacenza coordinato dalla dottoressa Manuela Buono, essendo nata come parte integrante di "Nuovi Passi", uno dei progetti dalla Conferenza sociale e sanitaria territoriale, approvato dalla Regione Emilia Romagna nell'interno dei Piani per la Salute 2006/2007.

 

"Nuovi Passi - spiega la dottoressa Buono - è un intervento educativo di socio-affettività, finalizzato a migliorare  e rafforzare i life skills (letteralmente: abilità di vita) che fungono da fattori protettivi nei confronti di comportamenti a rischio, in questo caso particolarmente centrato sulla prevenzione di manifestazioni di bullismo e devianza".

 

La ricerca Mondogiovani si è posta l'obiettivo di ottenere una più puntuale e accurata fotografia sia delle aree di disagio, sia di quelle di competenza, per indirizzare la futura progettazione formativa.

 

Il documento che ne è risultato è stato redatto, pur con una valenza scientifica, a fini divulgativi ed è perciò rivolto anche ai "non addetti ai lavori" e fruibile dal maggior numero di persone interessate all'argomento.

 

Dopo una "mappatura" della popolazione studentesca degli istituti superiori per individuare le coordinate di un campione significativo (stimato intorno a un totale di 2500 studenti), il questionario Mondogiovani è stato sottoposto a 2729 ragazzi, di 151 classi (dalla prima alla quinta).

 

Ogni classe che ha aderito alla ricerca ha compilato i questionari nell'arco di circa un'ora, durante la quale erano presenti uno o due somministratori, per guidare gli studenti nella compilazione.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il questionario è stato costruito ad hoc, sulla base di esperienze già validate e sperimentate, e affronta un ampio ventaglio di argomenti che riguardano in modo concreto la realtà giovanile: tempo libero, qualità della vita, relazioni tra pari, rapporto con le sostanze psicoattive, vita a scuola (vissuto e relazioni),  esperienze di bullismo, relazioni con i familiari, percezione di sé, autostima, affettività e sessualità, conoscenza dell'Aids, ansia e depressione e rapporto con le nuove tecnologie.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -