Ponti d'oro per il turismo emiliano-romagnolo: la riviera fa il pieno

Ponti d'oro per il turismo emiliano-romagnolo: la riviera fa il pieno

1,3 milioni di turisti per i ponti della Liberazione e del 1° Maggio

Con oltre 1,3 milioni di turisti, all'80% escursionisti, è positivo il bilancio turistico registrato sulla Riviera Adriatica dell'Emilia Romagna in occasione dei ponti primaverili del 25 aprile e primo maggio. Solamente i 2000 alberghi e i 1700 ristoranti sparsi sui 110 km di riviera hanno fatturato oltre 16 milioni di euro. Le condizioni meteo hanno favorito la spiaggia, mentre grande successo hanno riscosso i Parchi tematici, le mostre d'arte e gli eventi sportivi.

 

Anche grazie alle buone condizioni meteo, i 2000 alberghi aperti, da Cattolica a Comacchio, hanno complessivamente registrato 310mila pernottamenti (dei quali il 20% stranieri), per un fatturato superiore agli 11 milioni di euro.

 

L'enogastronomia ha rappresentato un elemento di ulteriore attrazione per i vacanzieri di primavera: i 1700 tra ristoranti e pizzerie aperti lungo i 110 Km della Riviera emiliano romagnola hanno fatturato ben 15 milioni di euro.

 

Oltre 3,5 milioni, invece, la cifra relativa al giro di affari registrato dal settore dell'intrattenimento legato a discoteche, pub e locali di ritrovo. Bilancio positivo anche per la "spiaggia" dove, grazie alle favorevoli condizioni del tempo, sono stati ottenuti risultati significativi in termini di presenze e di relativi incassi. Supera i 4 milioni di euro il fatturato dei 5 Parchi divertimento della Riviera aperti, ovvero Mirabilandia, Italia in Miniatura, Fiabilandia, Oltremare e Acquario di Cattolica i quali, complessivamente, hanno registrato oltre 250.000 visitatori. Il buon risultato dei Parchi tematici ha evidenziato il successo della campagna promozionale lanciata dagli spot televisivi andati in onda all'inizio di aprile sulle reti nazionali Rai e Mediaset (oltre 160 passaggi contrassegnati dalla carica e dalla simpatia dell'assessore Palmiro Cangini, alias Paolo Cevoli), azione che ha confermato l'efficacia della sinergia pubblico-privato che ha visto protagonisti i Parchi di Mirabilandia, Italia in Miniatura, Oltremare e Acquario di Cattolica, APT Servizi Emilia Romagna, Unione di Costa e Assessorato regionale al turismo, mettendo in luce la capacità d'accoglienza del nostro sistema turistico.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta di segnali positivi che fanno ben sperare per la prossima estate - ha commentato Andrea Babbi, amministratore delegato di APT - I turisti italiani e stranieri hanno scoperto le grandi potenzialità turistiche della Riviera che, in occasione di questi ultimi ponti, ha offerto cultura grazie alle grandi mostre d'arte, Cagnacci a Forlì, Mirò a Ferrara, Exempla a Rimini, agli eventi sportivi e all'enogastronomia, elemento trasversale che evidenzia la tipicità e l'unicità delle nostre proposte turistiche. La vacanza in Riviera ha attratto anche grazie al forte richiamo degli spot televisivi sull'apertura dei Parchi tematici. Mi risulta infatti che siano stati oltre 100.000 i pernottamenti registrati grazie alla formula del pacchetto vacanza che proponeva il soggiorno più l'ingresso ai parchi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -