Predappio, ex casa del fascio. La Lega: "Le istituzioni devono collaborare"

Predappio, ex casa del fascio. La Lega: "Le istituzioni devono collaborare"

PREDAPPIO - "Se le istituzioni del nostro territorio romagnolo collaborano, i primi a trarne profitto sono i cittadini romagnoli. La vicenda della scuola elementare Adone Zoli di Predappio  - sollevata in prima battuta dalla "lista civica Per Predappio Nuova" ne è la prova" - interviene così Jacopo Morrone Segretario Provinciale della Lega Nord Forlì-Cesena - " malgrado un primo imbarazzo del Sindaco Frassineti, probabilmente non abituato a supporti  alle problematiche locali da parte dei parlamentari  dello schieramento di centrosinistra".

 

 "Ci fa piacere" -  continua Morrone - "che alla fine il Sindaco di Predappio abbia dato il giusto riconoscimento all'iniziativa dell'On. Gianluca Pini a favore della scuola elementare di Predappio".

 

"In un periodo di crisi internazionale che non esenta i nostri comuni, in presenza di una costante lamentela per tagli ai trasferimenti economici agli enti locali e in attesa di un federalismo che li renda liberi e autonomi" - " i Sindaci del territorio devono essere felici per qualsiasi tipo di aiuto provenga loro, anche se da politici di altri partiti" - "è necessario fare gruppo a prescindere dal partito di appartenenza; quando si tratta di problematiche del territorio è importante coordinarsi e fare tutto il necessario per portare a casa i risultati".

 

Infine conclude il giovane segretario del carroccio - a proposito delle questioni che riguardano  Predappio: "Anticipiamo al Sindaco Frassineti che mediante l'On. Pini ci stiamo interessando in ordine alla ex Casa del Fascio, in una logica politica federalista è infatti obiettivo della Lega Nord far si che l'intero immobile venga assegnato al Comune di Predappio. Non sarà cosa facile ma certamente ci sarà da parte della Lega Nord il massimo impegno per ottenere anche questo risultato"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -