Predappio, Rolli (Pdl): "Coi gadget fascisti vietare anche falce e martello". Frassineti (Pd): "Regole di buon senso"

Predappio, Rolli (Pdl): "Coi gadget fascisti vietare anche falce e martello". Frassineti (Pd): "Regole di buon senso"

Predappio, Rolli (Pdl): "Coi gadget fascisti vietare anche falce e martello". Frassineti (Pd): "Regole di buon senso"

PREDAPPIO - Il giro di vite sui gadget nazi-fascisti in vendita a Predappio infiamma la campagna elettorale per le elezioni comunali. La critica parte da Pier Franco Rolli, candidato del centro-destra nel Comune della valle del Rabbi: "Se sono vietati i simboli di ogni totalitarismo, come da regolamento, almeno sul territorio di Predappio non ci dovrebbe essere sulla scheda elettorale il simbolo della falce e martello, come invece ci sarà per le elezioni europee".

 

VENDITA DEI SOUVENIR NAZI-FASCISTI, CHE NE PENSI?

 

La questione riguarda il nuovo regolamento del decoro nei luoghi pubblici approvato all'unanimità nel Consiglio comunale di Predappio, che di fatto pone diversi ostacoli alla vendita dei "ricordini" per nostalgici che giungono nella città natale del Duce, senza tuttavia vietarne del tutto la vendita (vedi nel dettaglio).

 

La posizione di Pier Franco Rolli, candidato del centro-destra. "Faccio prima di tutto la premessa che il turismo di Predappio si deve alimentare di ben altro che di svastiche, ma questo regolamento è lungo, pignolo e necessiterà di un altro regolamento interpretativo, che probabilmente sarà ancora più confuso". Quindi la polemica di Rolli: "Non sono in Consiglio comunale, ma mi dicono che c'era già un regolamento, ma che non veniva applicato".

 

Insomma, per Rolli il regolamento sarebbe una manovra elettoralistica, che "impegnerà l'amministrazione nell'interpretarlo". Per esempio l'opzione di oscurare la vetrina, come per i sexy-shop: "Sì, infatti, l'interpretazione dovrà chiarire se poi gli stessi oggetti si possono vendere in cantina", critica Rolli.

 

Il candidato del centro-destra, infine, lancia un attacco: "Nel regolamento, testualmente, si vietano i simboli di ogni totalitarismo: è vero che a Predappio non ci sono negozi che vendono busti di Stalin, ma sulle schede elettorali a Predappio, per le elezioni europee, ci sarà il simbolo della falce e martello: a norme di regolamento dovrebbe essere perseguito anche quello". Rolli arriva al paradosso: "Per regolamento quelle schede elettorali nel territorio di Predappio non ci dovrebbero essere".

  

La posizione di Giorgio Frassineti, candidato del centro-sinistra. "Il regolamento è stato votato all'unanimità in Consiglio, non capisco quindi chi dice che è una manovra elettorale", dice Frassineti. Puntualizza il candidato sindaco del centro-sinistra: "E poi è da un anno che ci lavoravamo, come confermeranno anche i consiglieri di opposizione".

 

"Vedo questo regolamento in modo positivo, il messaggio vero che dobbiamo dare è la comprensione della storia e non la sua banalizzazione a fini commerciali", aggiunge Frassineti. Che precisa, poi, di non avere alcuna intenzione di cancellare la memoria di Mussolini. "Ci adoperiamo per il restauro della casa del fascio e delle Galleria Caproni - spiega Frassineti -, mentre nella casa natale di Mussolini organizziamo mostre: Predappio suscita molto interesse per il suo nome".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma, ci tiene a precisare Frassineti, "il turismo di Predappio non è collegato a tre negozi di souvenir, ci stiamo muovendo, e non da ora, per la promozione turistica del paese". Per esempio col Sangiovese di qualità. Per Frassineti, infine, "il regolamento è solo di buon senso" e non vieterà prodotti come i busti e le immagini del Duce, purché non rappresentino un'esaltazione.

Commenti (10)

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Purtroppo nessuno di noi (sinistra, centro e destra) ha realmente fatto i conti con il proprio passato e soprattutto con gli errori commessi. Molti non si rendono conto che la "Seconda Repubblica" ha "Sdoganato" il pensiero Fascista ma allo stesso tempo l'Italia è stata governata anche dai Comunisti. Purtroppo i Vincitori hanno cancellato la cultura Fascista bollando come il male assoluto un periodo storico che piaccia o no è stato vissuto dai nostri nonni e dai nostri padri. Cancellare in questo modo la storia ha fatto semplicemente sopravvivere le idee sbagliate nelle nuove generazioni, perchè non si è cercato di spiegare a scuola dove è stato commesso l'errore e dove invece si sono fatte cose non poi così peggiori di quelle che viviamo oggi. Se a scuola si fosse criticamente studiato il '900 il Fascismo ed anche il Comunismo, forse avremmo oggi una società migliore e più rispettosa del nostro vicino che non la pensa come noi. Per quanto riguarda il divieto della esposizione in pubblico dei busti, bustini o immagini mi sembra una ipocrisia assoluta... il Comune incassa comunque i soldi delle tasse per l'esercizio commerciale... o si vieta la vendita oppure si lasciano le cose così come sono... Io credo di essere in grado di capire la differenza tra Bene e Male, senza che nessuno me lo spieghi! Perchè allora non demoliamo tutti gli edifici costruiti in quel lontano periodo a cominciare dall'Ospedale Pierantoni, poi la Stazione e la posta centrale di Forlì, oltre ovviamente al 20% degli edifici pubblici e privati di Forlì... Buona giornata a tutti,. comunque la pensiate!!!

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    Gaga: ma tu l'hai mai letta la Costituzione??? Se la pensi cosi' allora chiedi di vietare i tatoo celtici, alcuni concerti rock, fai demolire meta' forli, etc... Sara' il mercato a giudicare, dopo tanti anni vuoi negare ai vecchietti nostalgici di comprare qualche ricordino!! Tra 10/15 anni sara' la stessa cosa per le effigie del Che, dato che la facciona di Marx ormai non la ricorda piu' nessuno....

  • Avatar anonimo di gaga
    gaga

    vietare i simboli di falce e martello? non confondiamo la Storia, con i viaggi mentali di qualcuno. In Italia il totalitarismo, il regime ed i vari divieti di manifestare le proprie opinioni vengono dal Fascismo, non dal Comunismo. riproduzioni di icone e simboli di chi ha negato la libertà qui, nel nostro paese - e non in siberia- a me non sta bene. dobbiamo dar da mangiare a qualche commerciante a Predappio? a parte che è la Costituzione che lo vieta, ma vogliamo superare gli sbarrramenti ideologici e consentirlo? essere più reali - e progressisti - dei Re? allora lasciamo le cose come stanno. la per favore, non mettiamo sullo stesso piano le due cose.

  • Avatar anonimo di Enrico
    Enrico

    ... ribadisco che questo divieto mi sembra una gran IPOCRISIA... ...o si vietano tutti i SIMBOLI oppure nessuno.. .. il FASCIO, la CROCE, la FALCE/MARTELLO, busti e bustini vari, santi e santini vari non sono tutti allo stesso livello nel bene e nel male??? .. su non facciamo gli ipocriti !! ognuno di questi ha fatto le sue PORCATE e adesso ci scandalizziamo tutti... signori la storia è storia e non può essere cambiata!! .. ma da questa dobbiamo imparare a non rifare gli stessi errori indipendentemente dai simboli e dallo schieramento politico...

  • Avatar anonimo di alcide
    alcide

    Rolli sta solo cercando i voti di certe persone, che peraltro sono più mature di lui. Ha avuto le stesse preoccupazioni quando è diventato presidente dello IACP o dell'ACER o della commissione statuto, come si legge nel suo curriculum, oppure in quella sede ha accetato anche i voti degli amici eletti sotto il simbolo della falce e del martello? IGNORATELO.

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    favorevolissimo a eliminare i simboli nella cui storia in cui si riassumano eventi criminali e totalitarismi, ma chi lo spiega al parroco di Predappio che deve togliere la croce, simbolo dell'invasione degli stati arabi (10 crociate), degli stermini in sud america ed africa... inquisizione, roghi, rapimenti, ecc...

  • Avatar anonimo di ruscelli luciano prc forlì
    ruscelli luciano prc forlì

    ricordo a rolli che il PCI ha contribuito a scrivere la nostra costituzione e a partire da quelle basi che il paese è risorto. in questo paese il contributo dei comunisti ha sempre riaffermato l'alto valore della democrazia, dei diritti umani e della libertà sapendo denunciare i propri errori il più grave dei quali rappresentato dal non aver capito che l'eguelianza non si agisce senza una piena libertà. rolli e la destra hanno un alta considerazione del concetto della libertà di pochi sui tanti del profitto sui valori umani. ruscelli luciano segretario prc forlì

  • Avatar anonimo di DPM
    DPM

    il problema + serio mi sembra quello sulle vetrine oscurate dei sex shop...

  • Avatar anonimo di valerio1964
    valerio1964

    Ogni forma di totalitarismo è sciagurata e tragica ,sia essa di destra o di sinistra ,detto questo rimane un solo problema ...la costituzione italiana nella quale si trova un esplicito divieto di ricostituzione del partito fascista .Nella mia famiglia ci sono state tragedie dovute alla persona i cui busti sono esposti nei negozi in oggetto... Sia ben chiaro, non contesto il diritto a commerciare cimeli legati comunque alla nostra storia e trovo giusto mantenere la memoria storica di un paese, almeno ci si risparmi la polemica sulle schede elettorali...vedere sulle schede la falce e il martello non mi esalta ma se dovessi vedere il fascio littorio capirei che è venuto il momento di trovarmi un altro paese in cui vivere

  • Avatar anonimo di taros
    taros

    Quello che sarebbe veramente da vietare sono le commemorazioni sulla tomba del Duce nelle tre giornate calde dell'anno, lo spettacolo che viene proposto è indecoroso, specialmente le invettive religiose di padre don Giulio Tam, le sue parole recano un danno maggiore alla comunità predappiese anche agli stessi sostenitori del centro destra.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -