Primarie Pd, i risultati per le mozioni regionali

Primarie Pd, i risultati per le mozioni regionali

ROMAGNA - Sono ancora in bilico sul 50% i risultati per la scelta del segretario regionale del Pd. In vantaggio, in Romagna come nel resto della regione, c'è Stefano Bonaccini, che in Romagna non ha passato il "quorum" del 50% (necessario per un'elezione automatica senza passare per il voto dei delegati l'assemblea nazionale) solo nella città di Forlì. La più "calda" a sostenerlo è stata invece Imola.

 

Mariangela Bastico ha risultati abbastanza variabili, da un modesto 27% di Imola ad un oltre 34% di Rimini. Buona l'affermazione di Thomas Casadei in Romagna, che fa un risultato personale mediamente superiore a quello del suo segretario nazionale Marino. Tuttavia a Forlì c'è da registrare un forte ridimensionamento del suo consenso rispetto al voto nei circoli: in questi Casadei ottenne il 38,6% delle preferenze, alle primarie aperte ai non iscritti passa invece a sfiorare il 23%.

 

I risultati per ogni comprensorio romagnolo relativi al voto per il segretario regionale del Pd. I dati non sono ancora certificati e potrebbero discostarsi di alcuni decimali da quelli definitivi. Il problema nasce principalmente dalla difficoltà di conteggio dei voti di Bastico, sostenuta da due liste i cui risultati andavano sommati, aggiungendo una piccola quota di voti che sono andati direttamente al candidato segretario senza esprimere una preferenza per una delle due liste.

 

Federazione Pd

Bonaccini

M. Bastico

T. Casadei

Forlì

47.7

30

22.8

Cesena

52.5

33.7

14.5

Ravenna

55.6

31.5

12.5

Rimini

50.7

34.1

15.1

Imola

61.5

27.5

11.0

Emilia-Romagna

50,8

37

12,2

 

 

 

 

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di schietto
    schietto

    "Tuttavia a Forlì c'è da registrare un forte ridimensionamento del suo consenso rispetto al voto nei circoli: in questi Casadei ottenne il 38,6% delle preferenze, alle primarie aperte ai non iscritti passa invece a sfiorare il 23%". Mi sa che demo.chi debba imparare di piu a leggere... ma probabilmente, leggendo questo e a gli altri commenti che faceva sul Pd non è un problema di saper leggere, ma un problema di essere accecati dall'invidia o da qualche inimicizia personale, che si sfoga chiaramente meglio sotto anonimato... poveretto, se ti fossi firmato con un nome e cognome ti vergogneresti e basta

  • Avatar anonimo di demo.chi
    demo.chi

    Non sarebbe meglio, per gli estensoi degli articoli, evitare giudizi che cercano di influenzare i lettori, anche se questi sono maturi per giudicare con la loro testa? Infatti come si fa ad insistere a parlare di buona affermazione del sig. casadei, quando è arrivato terzo, dicendo che voleva vincere. Ed è arrivato terzo, nelle primarie, addirittura anche nel forlivese, perdendo circa il 16% dei voti? Va bene, per l'estensore dell'articolo e per altri giornali, fare i tifosi, ciechi di fronte all'evidenza, ma con un pò di rispetto per la verità!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -