Prima campanella in Emilia Romagna: sui banchi oltre 545mila studenti

Nelle scuole secondarie di II grado il 43% degli studenti dell’Emilia Romagna frequenta i licei, mentre il 57% i tecnici-professionali (34% istituti tecnici e 23% istituti professionali)

Primo giorno di scuola in Emilia Romagna per 545mila studenti, 371 dirigenti scolastici, 48.399 insegnanti, di cui almeno 3.757 al loro primo anno di ruolo, e 13.864 collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici. Sono 545 le istituzioni scolastiche statali attive sul territorio regionale. Aumentano anche gli alunni con disabilità, che passano dai 14.662 dell’anno scolastico 2014/15 ad oltre 15.000 per l’anno scolastico 2015/16 (+ 3.9%). Le classi funzionanti in regione saranno 24.321, di cui 9.106 nella scuola primaria.

Nelle scuole secondarie di II grado il 43% degli studenti dell’Emilia Romagna frequenta i licei, mentre il 57% i tecnici-professionali (34% istituti tecnici e 23% istituti professionali). In Emilia-Romagna è stato autorizzato il funzionamento di 2.595 classi costituite da un numero di studenti con cittadinanza non italiana superiore al limite del 30%, come stabilito  dalle disposizioni ministeriali che lo prevedono in caso di alunni stranieri già in possesso di adeguate competenze linguistiche. I posti di personale docente quest’anno sarà di 48.399, di cui 42.507 di posto comune (compresi quelli assegnati a supporto delle scuole terremotate) e 5.892 posti di sostegno. 371 i dirigenti scolastici, 174 dei quali saranno impegnati, oltre che nel proprio istituto, anche nella reggenza di un’altra scuola. Le scuole disporranno inoltre di 13.864 unità di personale ATA (fra i quali collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici) con cui saranno garantiti il regolare svolgimento delle attività delle segreterie, la funzionalità delle aule e dei laboratori ed il funzionamento dei servizi scolastici, con una attenzione particolare, in termini di organico, a quelli delle scuole colpite dal sisma

 “Siete una comunità vera, la più numerosa e per noi la più importante - affermano il presidente della Regione Stefano Bonaccini e l’assessore regionale alla Scuola Patrizio Bianchi scrivono nella lettera inviata a tutte le scuole in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico. Bonaccini e Bianchi ricordano che “il destino di un territorio dipende dal livello di istruzione dei suoi abitanti: la scolarità è la nuova discriminante sociale, la capacità di competere oggi esige nuovi strumenti per crescere, interagire e comunicare in un contesto sempre più internazionale e per convivere in società pluraliste, nel rispetto di culture anche molto diverse dalla nostra”.

“Per questo – continuano - occorre guardare all’educazione come ad un processo inclusivo e perennemente incompiuto e investire per garantire un sistema educativo e formativo adeguato alla complessità del mondo contemporaneo. In questa sfida la Regione c’è, consapevole ed orgogliosa della qualità del  sistema educativo regionale, dello straordinario patrimonio di cultura, competenze, sensibilità, idealismo ma anche grande concretezza che lo contraddistingue e che da sempre permette all’intera comunità di crescere ed agire i propri diritti. In questi mesi la scuola è stata investita da novità importanti, che hanno suscitato reazioni diverse e opinioni contrastanti, da cui oggi vorremmo prescindere per augurare a tutti voi, che la buona scuola la costruite nel quotidiano, un buon anno di studio e lavoro. Lavoriamo insieme per fare in modo che  l’aspirazione torni ad essere una capacità sociale e collettiva di questa regione. Generare sviluppo e creare futuro è il nostro impegno per garantire ai più giovani di poter crescere in una regione europea, aperta, inclusiva, equa, innovativa, dinamica culturalmente ed economicamente che nella crisi e nelle trasformazioni in corso ha saputo cogliere le potenzialità per identificarsi con le migliori espressioni del cambiamento”.

EDILIZIA - Sul fronte dell’edilizia scolastica la Regione sta per stipulare mutui pluriennali per il valore di 57 milioni di euro che consentono, sulla base di un Piano Triennale condiviso con le istituzioni locali, di realizzare interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico delle scuole, nonché di costruire nuovi edifici e nuove palestre scolastiche. La sicurezza delle nostre scuole è una priorità. Alle risorse che saranno attivate attraverso i mutui, si aggiunge un ulteriore investimento attraverso il Programma regionale di contributi per l’adeguamento sismico degli edifici scolastici (3,2 milioni nel 2015). Investimenti sono previsti anche per dotare le scuole delle infrastrutture necessarie ad innovare la propria ca­pacità didattica. Nei primi mesi del 2015 sono state collegato con la banda ultralarga 53 nuove scuole dell’Emilia-Romagna, che si aggiungono alle circa 400 già connesse, proseguendo nell’impegno già avviato per creare e ampliare una grande rete in fibra ottica a servizio delle scuole.
 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -