Principe Azzuro gay al centro estivo di San Benedetto del Tronto

Principe Azzuro gay al centro estivo di San Benedetto del Tronto

Principe Azzuro gay al centro estivo di San Benedetto del Tronto

Principe azzurro gay per Biancaneve e Cenerentola alla recita di un centro estivo a San Benedetto del Tronto. Il centro ricreativo gestito dalla Cooperativa Systema e organizzato dal Comune, ha messo in piedi uno spettacolo alternativo, con bimbi dai 4 ai 10 anni, suscitando lo scalpore e l'indignazione dei genitori, che non erano stati consultati.

 

Per la rivisitazione delle favole più classiche, niente cavallo bianco, ma un trono, che fa molto "uomini e donne" di Maria de Filippi, dal quale il principe non salva la sua bella ma si innamora di un uomo.

 

"Noi ci impegniamo ogni giorno per insegnare ai nostri figli dei valori importanti - ha dichiarato il parente di un bimbo a Quotidiano.net - poi ti ritrovi in mezzo a una recita del genere". La polemica dei familiari è nata soprattutto dal fatto di non essere stati consultati prima.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assessore alle Politiche sociali del comune di San Benedetto, Loredana Emili, ha avuto la risposta pronta: "Non vedo il problema, al termine della rappresentazione ho anche distribuito un questionario per il gradimento e nessuno ha avuto da ridire".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di docente
    docente

    Sono indignata dall'articolo appena letto. Io ero presente alla rappresentazione teatrale e il ragazzo che interpretava il principe non ha MAI pronunciato le parole "IO SONO GAY"! La recita si concludeva con il principe azzurro che decide di andarsene con un suo amico (un compagno di giochi, visto che si trattava di una recita di bambini) piuttosto che ascoltare le liti delle pretendenti "oche"(le varie protagoniste delle favole) e cedere alle loro lusinghe. E' ovvio che si trattava di una satira poichè Cenerentola, Biancaneve e La Bella addormentata, visto oramai scemare negli anni il loro successo tra i bambini, per fare più "audience" scelgono di scimmiottare le partecipanti di una famosa trasmissione televisiva, "Uomini e donne". La polemica nasce da un genitore che ha, haimè, equivocato la scena finale, forse per omofobia o eccessiva apprensione (e disattenzione). Mi chiedo se in un paese come questo si rendano conto di quanto male possa fare quotidianamente la televisione di questo genere(parlo del genere Veline/ De Filippi/ Grande Fratello) ai minori e alle categorie sociali a rischio, e quanti invece sono gli educatori nelle nostre realtà comunali che tentano di mettercela tutta e di trasmettere valori e messaggi positivi in stretta collaborazione con i genitori. Mi chiedo perchè in un paese come questo la parola "cooperativa" fa storcere il naso a qualcuno, dando il via libera ad accuse infondate: una vera diffamazione nei confronti di una recita INNOCUA e BUFFA. Tutto ciò puzza di strumentalizzazione politica! Credo che dopo questo bel pasticcio suscitato dal genitore e la relativa "montatura" giornalistica l'unico messaggio che è arrivato alle orecchie dei giovani interpreti della commedia sia che l'omosessualità è una cosa brutta, che i gay sono da emarginare e discriminare perchè non piacciono ai genitori. Bel passo verso la convivenza civile e il rispetto della libertà sessuale! Docente di scuola secondaria

  • Avatar anonimo di ero_presente
    ero_presente

    Anche io ero presente. Tutta questa polemica è scaturita da dichiarazioni false di 2 genitori e da giornalisti che hanno pubblicato senza sapere com'è andata in realtà. TIPICO esempio di disinformazione!!!!! Il principe azzurro non era gay e NON HA MAI PRONUNCIATO QUELLA FRASE!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -