Processo diritti tv, si acquisce la memoria di Berlusconi del 1999

Processo diritti tv, si acquisce la memoria di Berlusconi del 1999

Processo diritti tv, si acquisce la memoria di Berlusconi del 1999

MILANO - Le dichiarazioni spontanea rilasciate dal premier Silvio Berlusconi in altri procedimenti ed i verbali non sono utilizzabili. E' quanto hanno stabilito i giudici della prima sezione penale del tribunale di Milano, dove è in corso il processo sui diritti Tv, respingendo la richiesta formulata dal pm Fabio De Pasquale e alla quale si era opposta la difesa del presidente del Consiglio. Al procedimento sarà allegata la memoria presentata da Berlusconi nel 1999.

 

Il processo ha per oggetto la compravendita dei diritti televisivi e cinematografici con società americane per 470 milioni di euro che sarebbe stata effettuata da Fininvest attraverso due società off-shore nel 1994-1999. Secondo l'accusa le major americane avrebbero venduto i diritti alle due società off-shore, le quali li avrebbero ceduti con prezzi maggiorati a Mediaset allo scopo di aggirare il fisco italiano e creare fondi neri a disposizione di Berlusconi. Tutti gli imputati negano ogni addebito.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -