Processo 'Why Not', assolto Loiero

Processo 'Why Not', assolto Loiero

Processo 'Why Not', assolto Loiero

CATANZARO - Il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, è stato assolto dal giudice dell'udienza preliminare di Catanzaro al termine del processo con rito abbreviato sull'inchiesta "Why Not" su presunte irregolarità nella gestione di fondi pubblici avviata a suo tempo dall'allora pm Luigi de Magistris. I sostituti procuratori Massimo Lia e Eugenio Facciolla avevano chiesto per Loiero la condanna a un anno e sei mesi di reclusione per due ipotesi di abuso d'ufficio.

 

Invece era stata chiesta 'assoluzione, per non avere commesso il fatto, per l'accusa di corruzione. "Sono sollevato, non poteva che finire così - ha commentato il governatore -. È finito un calvario che è durato anche troppo". Assolto dal giudice anche l'ex presidente Giuseppe Chiaravalloti. Per lui l'accusa aveva chiesto due anni e 2 mesi per diverse ipotesi di abuso.

 

Due anni di reclusione (pena sospesa) per Antonio Saladino, per abuso d'ufficio: assolto invece dalle accuse di associazione per delinquere, truffa, frode nelle pubbliche forniture. La Procura generale aveva chiesto per lui una condanna a 4 anni e mezzo di reclusione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -