Qualità dell'acqua, Hera si difende: ''Nessun pericolo per i cittadini''

Qualità dell'acqua, Hera si difende: ''Nessun pericolo per i cittadini''

CESENA - "In questi giorni sul tema “qualità dell’acqua” a Cesena si è creato un allarmismo ingiustificato a proposito del quale il Gruppo Hera desidera intervenire". Lo afferma Hera Forlì-Cesena rispondendo alle polemiche di stampa sulla durezza dell'acqua che, in particolare a Cesena, avrebbe dovuto sconsigliarne l'utilizzo.


"La qualità e la potabilità dell’acqua sono soggette a controlli rigidi sia da parte di Hera che da parte dell’Ausl - afferma la società pubblico-privata -, che garantiscono ai cittadini sicurezza e tempestività nella comunicazione in caso di situazioni anomale o pericolose".


"La durezza è un parametro considerato assolutamente non rischioso per la salute - afferma ancora la società, ribaltando le tesi sostenute dai mass media -, tant’è che non esiste un limite imposto dal decreto legislativo, ma solamente un valore consigliato di 50 gradi francesi, di norma abbondantemente superato dalle principali acque minerali in distribuzione sul mercato, comprese quelle specifiche per neonati (valori di durezza medi compresi tra gli 85 e i 95)".


Hera spiega l'aumentato valore della durezza dell’acqua registrata negli ultimi mesi con il fatto che "l’azienda sta miscelando acqua di Ridracoli con acqua di falda, in base a quanto disposto dagli enti preposti (protezione civile, Ato e Assessorato Regionale all’Ambiente) a fronteggiare la situazione di criticità, dovuta al prolungamento del periodo siccitoso".


Hera Forlì-Cesena, dunque, sottolinea quanto sia "normale che l’acqua di falda abbia una concentrazione di nitrati più alta rispetto a quella di Ridracoli, ma comunque al di sotto dei parametri imposti dalla legge: di conseguenza non sussiste alcun pericolo per la salute dei cittadini e neppure per particolari categorie, come ad esempio bambini o donne in gravidanza".


Hera risponde anche a chi considera insufficiente l'informazione data ai cittadini-utenti circa la divulgazione dei dati sulla qualità dell'acqua (pubblicati solo sul sito web). "Il Gruppo Hera, per una scelta di trasparenza, pubblica tutti i dati relativi all’acqua sul sito aziendale - spiega la società -, in modo che chiunque possa verificarli per propria conoscenza e tranquillità e a tal proposito desidera rassicurare i propri clienti che, in caso di situazioni anomale, i rigidi controlli previsti dagli enti di vigilanza (Ausl, Arpa, ecc.) garantirebbero un immediato riscontro del problema e la tempestiva comunicazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lucio Orioli

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -