Ravenna, 11mila presenze all'Omc. Confindustria: "Ampliare l'ospitalità"

Ravenna, 11mila presenze all'Omc. Confindustria: "Ampliare l'ospitalità"

Ravenna, 11mila presenze all'Omc. Confindustria: "Ampliare l'ospitalità"

RAVENNA - Si è chiusa la decima edizione di OMC, l'appuntamento biennale con aziende e compagnie che operano nel settore dell'estrazione di idrocarburi. L'edizione inaugurata mercoledì con l'intervento del sottosegretario al ministero per lo Sviluppo economico, Stefano Saglia, termina segnando diversi record: oltre 10 mila visitatori, poco meno di 500 espositori provenienti da 26 Paesi, 12 delegazioni estere.

 

"Pur in una situazione internazionale particolarmente difficile - commenta il presidente di Confindustria Ravenna, Giovanni Tampieri - le imprese hanno avuto modo di confrontarsi, di allacciare relazioni, di valutare nuovi investimenti. Ricordiamo che a Ravenna si è sviluppato un comparto offshore che opera in un tutto il mondo con professionalità e qualità e che Confindustria, che associa buona parte di queste aziende, ha sempre sostenuto fin dal suo nascere questa manifestazione".

 

E ancora: "Come abbiamo commentato assieme al collega Gianluigi Casalegno, presidente del Gruppo Turismo della nostra Associazione, OMC ha da sempre un grande ruolo anche per la ricaduta economica che ha sull'intera città. Il turismo congressuale è un segmento molto qualificato e nel quale Confindustria crede profondamente".

 

"OMC - aggiunge Casalegno - ha richiamato a Ravenna 10 mila visitatori: un turismo congressuale di rilievo, caratterizzato da imprenditori italiani e stranieri con capacità di spesa. L'evento ha fatto sì che abbiano lavorato una trentina di alberghi della Riviera e dell'entroterra, segnando un ‘tutto esaurito' che di questi tempi è quanto mai apprezzato. Poi ristoranti, bar, taxi, autonoleggi, e altri servizi ancora. Tutti fattori estremamente positivi dei quali dobbiamo ringraziare gli organizzatori di OMC. Da qui prendo spunto per alcuni suggerimenti, nello spirito di contribuire a migliorare sempre più la nostra accoglienza. Ravenna può fare un salto di qualità su due punti: negozi e monumenti. Molti clienti dei nostri alberghi si sono lamentati della chiusura dei negozi nel pomeriggio di ieri, giovedì. Impossibile, oltre una certa ora, visitare i monumenti per i quali Ravenna è famosa in tutto il mondo".

 

La Confindustria chiede una sorta di flessibilità programmata. Così Casalegno: "Che c'è OMC è risaputo da mesi: perché non è stato possibile concertare di spostare la chiusura infrasettimanale dei negozi in altra data e rendersi ospitali verso i partecipanti all'evento? Perché i monumenti, in certe occasioni, non posticipano la chiusura per venire incontro alle esigenze di migliaia di potenziali visitatori? Questi interrogativi sono di estrema attualità, ora che entra nel vivo anche la stagione delle crociere. E' un'occasione che la Ravenna non può permettersi di fallire".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -