Ravenna, 12mila euro dal progetto di Aser. L'assessore Stoppa: ''Un esempio''

Ravenna, 12mila euro dal progetto di Aser. L'assessore Stoppa: ''Un esempio''

Ravenna, 12mila euro dal progetto di Aser. L'assessore Stoppa: ''Un esempio''

RAVENNA - Ammonta finora a 12mila euro (per la fine dell'anno si stima di arrivare a quota 13mila) il contributo devoluto nel 2010 dall'Aser, l'azienda di onoranze funebri a controllo pubblico, all'Asp nell'ambito del progetto "Buoni in famiglia". Tale somma è stata "convertita" in 400 buoni spesa alimentari da 30 euro l'uno, dei quali hanno usufruito una novantina di famiglie bisognose, in particolare con bambini piccoli. I dati sono stati illustrati venerdì mattina in municipio.

 

Alla conferenza stampa sono intervenuti Pericle Stoppa, assessore ai Servizi sociali, Claudio Suprani e Pierluigi Martini, presidente e direttore di Aser, Sanzio Rossi e Susanna Tassinari, presidente e direttore dell'Asp. La somma corrisponde all'1 per cento delle prestazioni fatturate da Aser, che da tre anni ha scelto questa formula per dare un proprio contributo sul fronte del welfare.

 

L'assessore Stoppa ha ringraziato Aser "per la sensibilità sociale dimostrata. Mi piacerebbe che la vostra iniziativa potesse costituire un esempio per altre aziende che potrebbero, ad esempio, destinare i soldi che di solito vengono impiegati per gli omaggi natalizi alle persone più bisognose. Anche nella nostra città ci sono tante persone svantaggiate; e purtroppo sono in aumento".

 

Claudio Suprani, presidente di Aser, ha colto l'occasione per confermare che l'iniziativa sarà riproposta anche l'anno prossimo e ha espresso l'auspicio di darle continuità anche in quelli successivi: "La nostra mission aziendale è particolarmente delicata e il nostro obiettivo è quella di coniugarlo con una particolare attenzione ai bisogni della società".

 

Sanzio Rossi, ringraziando a sua volta Aser, ha fatto una riflessione sul fatto che "il nostro tessuto sociale è in grado di costruire diverse positive iniziative di solidarietà come questa ma, nel contesto attuale serve un ulteriore ‘scatto'. I bisogni infatti aumentano, mentre le risorse pubbliche calano. Dobbiamo chiamare a raccolta le Fondazioni bancarie, che comunque già fanno la loro parte, e il mondo dell'impresa".

 

Pierluigi Martini e Susanna Tassinari hanno completato il quadro dei dati relativi al progetto, dicendo che nel 2008 sono stati erogati buoni per 9.880 euro (con i quali sono state aiutate 73 famiglie, 41 straniere e 32 italiane) e nel 2009 buoni per 10.127 euro (con i quali sono state aiutate 90 famiglie, 54 straniere e 36 italiane).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -