Ravenna, 25 anni di Planetario

Ravenna, 25 anni di Planetario

RAVENNA - Guardate il cielo e sicuramente sarete migliori..con queste parole che Franco Gabici usava  chiudere le sue lezioni nel corso di un quarto di secolo alla guida del Planetario. 

I venticinque anni  di attività del Planetario sono stati celebrati martedì scorso alla presenza di coloro che felicemente scelsero  di istituire a Ravenna un centro avanzato di cultura astronomica: il prof. Fabrizio Bonoli, il vice sindaco Giannantonio Mingozzi, assessore competente nel 1985, Franco Gabici direttore del Planetario fino al 2008 e Marco Garoni e il gruppo astrofili ravennati Reyta.

 

Presenti anche l'assessore Alberto  Cassani e il sindaco Fabrizio Matteucci che ha tracciato un excursus del cambiamento demografico, sociale ed economico della città nel corso dei 25 anni trascorsi, puntando l'attenzione sulla necessità di un'offerta di cultura di qualità e diversificata per ogni fascia di utenza della comunità, quale quella che il Planetario ha saputo realizzare.

Tutti gli intervenuti hanno evidenziato la felice combinazione di rigore scientifico e di grande apertura didattica delle attività, confermate da un riscontro di pubblico costante negli anni.

In particolare la  celebrazione del 25° anniversario coincide con un periodo di grande crescita di visitatori che sono passati  dai 6516 del 2008 ai 11.940 del 2009, con un trend in crescita anche per il 2010.

 

Anche in questo caso occorre ricordare come dal 1 gennaio 2009  la gestione della struttura sia stata affidata ad ARAR Gruppo Astrofili Ravennati, da sempre coinvolti nelle attività, ma ora in grado di esprimere al meglio le loro capacità scientifiche e didattiche grazie ad un forte snellimento procedurale reso possibile da una forma di "esternalizzazione partecipata" che consente una forte sinergia tra il Comune di Ravenna e gli operatori privati che non solo ha ottenuto riconoscimenti da parte della comunità nazionale degli addetti ai lavori, ma che riscontra dati significativi anche in termini di accessibilità e fruizione.

 

e attività proposte dal Planetario sono state rivolte alle scuole con il grande successo dei laboratori, alle famiglie con le osservazioni del cielo e agli specialisti con le conferenze del venerdì. Non è mancata la collaborazione con altre realtà del sistema culturale, dalla Classense ai musei del territorio.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -