Ravenna: 28 bimbi bielorussi tornano a casa

Ravenna: 28 bimbi bielorussi tornano a casa

RAVENNA - E' partito stamattina per fare ritorno in Bielorussia l'ultimo gruppo di bambini ospiti quest'inverno delle famiglie aderenti all'associazione Piccolo Mondo. Composto da 28 ragazzini, il gruppo ha trascorso oltre un mese a Ravenna. Complessivamente sono stati 50 i bambini bielorussi che nel periodo invernale hanno soggiornato in città. Per l'estate sono previsti, come consuetudine, altri soggiorni, che oltre a costituire una fondamentale opportunità per il miglioramento delle condizioni di salute dei bambini che vivono nel territorio colpito dalla tragedia di Chernobyl offrono momenti di formazione e socializzazione.

 

Proprio sul finire dell'ultimo soggiorno invernale il direttore del dipartimento Affari Esteri del ministero dell'Istruzione bielorusso Vladimir Shapurov ha fatto per due giorni tappa presso l'associazione Piccolo Mondo Emilia Romagna, per assolvere alle verifiche sull'andamento dei soggiorni dei bambini bielorussi accolti temporaneamente in Italia.

 

Shapurov, accompagnato dal console bielorusso in Italia Andrey Poleshuk, ha tra l'altro trascorso una giornata presso la sezione ravennate di Piccolo Mondo. Venerdì i due ospiti hanno potuto vedere i dipinti che i ragazzi accolti la scorsa estate hanno realizzato nella sala d'aspetto della risonanza magnetica dell'ospedale. A riceverli il direttore dell'unità operativa di radiologia Antonella Piraccini e gli emozionati autori.

 

Le famiglie accoglienti, i ragazzi e le accompagnatrici hanno poi trascorso una serata conviviale che ha visto la partecipazione di 120 persone, tra le quali l'assessore provinciale Emanuela Giangrandi e i rappresentanti degli istituti di formazione che hanno collaborato alla realizzazione delle attività estive.

 

Il giorno dopo il console Poleshuk e il direttore del dipartimento Affari Esteri del ministero dell'Istruzione bielorusso Shapurov sono stati ricevuti in municipio dal sindaco Fabrizio Matteucci e dall'assessore Giovanna Piaia, atto che ha rafforza il precedente ‘patto di amicizia' tra Ravenna e Pinsk, città da cui provengono molti ragazzi accolti. Hanno inoltre visitato San Vitale e Galla Placidia, restando ammirati dallo splendore dei mosaici, alcune copie dei quali sono state esposte al museo di Pinsk. Ultima tappa al circolo velico ravennate di Marina di Ravenna, dove i ragazzi svolgono le attività estive. Presente il vicepresidente della pro loco di Marina di Ravenna, Mauro Zanarini, a sottolineare il forte legame dei progetti con il territorio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -