Ravenna: 3 milioni di euro di contributi a 53 imprese ravennati

Ravenna: 3 milioni di euro di contributi a 53 imprese ravennati

Ravenna: 3 milioni di euro di contributi a 53 imprese ravennati

RAVENNA - La Regione ha presentato i risultati del primo bando a sostegno di progetti di introduzione di ICT nelle PMI e per servizi per la creazione di reti di imprese, per l'innovazione tecnologica e organizzativa nelle PMI.  Il Bando si è chiuso il 15 ottobre 2008 con la presentazione di 704 domande, con investimenti previsti di circa 110 milioni di euro. Le domande ammesse e finanziate sono 547 per un ammontare di investimenti pari a 73 milioni di euro. I contributi concessi ammontano a più di 29 milioni di euro pari al 40 % della spesa ammissibile. La Regione, visto il consistente numero di domande, ha deciso  di raddoppiare le risorse inizialmente stanziante portandole da 15 milioni agli attuali 30 milioni di euro.

 

Dal punto di vista territoriale i progetti finanziati provengono per il 50% dalle province di Bologna e Modena, a seguire troviamo Reggio-Emilia 12%, Forli Cesena 11% e Ravenna 10%, Parma 7% Ferrara 6%, Rimini 4% e Piacenza 2%.

Per quanto riguarda i settori il 58 % delle imprese fa parte del comparto manifatturiero, il 29 % dei servizi alla produzione ed il 9 % delle costruzioni.

 

Le domande provenienti dalla provincia di Ravenna sono state 62 pari a circa il 9% del totale, le domande ammesse e finanziate sono 53 circa il 10% delle ammesse, per un ammontare di contributi di 2 milioni 943.780,63 euro, pari al 10 % del totale dei contributi stanziati, a fronte di 7 milioni di euro di investimenti che si dovranno concludere entro 12 mesi.

Dal punto di vista territoriale il 40% delle domande proviene dal comprensorio ravennate cervese il 30% dai comuni del comprensorio lughese come il restante 30% dai comuni dell'area faentina.

 "Le domande dimostrano che, a fine 2008, nonostante i primi segnali di crisi 53 imprese si attivano in progetti di investimento innovativo prevedendo anche l'introduzione della figura del temporary manager" commenta il vicepresidente della Provincia, Bruno Baldini.

L'attività prestata dal temporary manager  riguarda prevalentemente la riorganizzazione dei processi e del personale anche attraverso l'introduzione di nuovi strumenti ICT, la conduzione di azioni di internazionalizzazione e di cambiamento delle modalità di marketing.

 "Un ringraziamento particolare - conclude Baldini - va alla Regione, per la sensibilità che ha portato al raddoppio delle risorse preventivamente stanziate, e alle associazioni di categoria ed ai consulenti per l'ottimo lavoro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Informazioni sui bandi e sui finanziamenti del POR FESR 2007-2013 sul nuovo sito Internet regionale: https://fesr.regione.emilia-romagna.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -