Ravenna, a gennaio un seminario contro la discriminazione delle donne

Ravenna, a gennaio un seminario contro la discriminazione delle donne

RAVENNA - L'assessorato alle pari Opportunità del Comune di Ravenna ha aderito alla Rete nazionale di associazioni che intendono promuovere su tutto il territorio nazionale la conoscenza dei contenuti della Convenzione per l'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (Cedaw), considerato il trattato internazionale sui diritti delle donne più completo.

 

L'assessore Giovanna Piaia ha seguito i lavori di preparazione della campagna nazionale della Rete e sta organizzando a Ravenna un seminario per il 15 gennaio, promosso in collaborazione con il professore Gustavo Gozzi, direttore del master dei Diritti Umani e Intervento umanitario con sede all'Università di Ravenna e le associazioni "Giuristi Democratici", Dire - Donne in rete contro la violenza e con l'adesione dell'Udi di Ravenna e dalla Rete Women.

 

La convenzione è stata approvata il 18 dicembre 1979 dall'Assemblea generale dell'Onu. Successivamente è stata firmata da 185 stati e ratificata dall'Italia nel 1985 con la finalità di eliminare le discriminazioni contro le donne nella vita pubblica e privata.

 

Il Comitato della Cedaw ha il mandato di valutare i progressi fatti nell'implementazione della Convenzione sulla base di rapporti richiesti ai Governi ogni 4 anni, per illustrare le misure intraprese a livello legislativo, politico, amministrativo e sociale.

Le raccomandazioni del Comitato potrebbero agire una pressione più vincolante e produrre azioni conseguenti se la società civile fosse più informata e coinvolta.

Lo studio della Cedaw si svilupperà attraverso seminari in molte città e costruirà la base per redigere un Rapporto - Ombra al VI Rapporto dell'Italia redatto dal dipartimento per le pari Opportunità in corso di approvazione e di presentazione al Comitato Cedaw.

 

"Al seminario - ha precisato l'assessore Piaia - parteciperà la Special Rapporteur Onu contro la violenza alle donne, il cui ruolo specifico conferma il riconoscimento della violenza sulle donne come violazione dei diritti umani.

Risulta molto importante nel prossimo 10° anno dalla Conferenza di Pechino entrare nel campo politico internazionale per valutare "a che punto siamo oggi" nella relazione tra "donne e mondo" per parlare di liberazione delle donne, dei loro diritti presunti e reali e dei dispositivi di tutela giuridica nei paesi e nei trattati internazionali.

La Cedaw è una pietra miliare nel percorso verso la parità dei sessi, una Carta fondamentale dei diritti delle donne, un programma di azione per tutti gli Stati, garantita, oltre che dalla previsione di sanzioni, anche da un Comitato con proprie funzioni di controllo e di promozione di azioni positive e anti discriminatorie".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -