Ravenna, a settembre i Mondiali di beach soccer

Ravenna, a settembre i Mondiali di beach soccer

Ravenna, a settembre i Mondiali di beach soccer

RAVENNA - La massima competizione di beach soccer al mondo sbarca in Italia. Dopo numerosi anni, torna nel nostro Paese una competizione Fifa di altissimo prestigio grazie ad una disciplina emergente che in breve tempo ha registrato una crescita esponenziale sia sotto il profilo dell'audience che dei praticanti. La Fifa Beach Soccer World Cup  si svolgerà a Ravenna dall'1 all11 settembre. L'Italia sorteggiata nel girone con Senegal, Iran e Svizzera.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La decisione di affidare alla Romagna la manifestazione affonda le sue radici in otto anni di intenso lavoro svolto nel promuovere il calcio in spiaggia su tutta la costa della Penisola. Una scommessa fatta dal presidente LND Carlo Tavecchio che ha investito risorse e progetti per poter arrivare ad ospitare il Mondiale, dopo Rio de Janeiro, Marsiglia e Dubai. Un risultato di prestigio che offrirà grande visibilità all'intero movimento calcistico italiano. 

Il percorso di avvicinamento alla Fifa Beach Soccer World Cup Ravenna/Italy 2011  è entrato nel vivo proprio oggi con l'effettuazione del sorteggio ufficiale durante il quale si sono formati i quattro gironi (tutti da quattro nazionali ciascuno) che comporranno il roster definitivo. Presso l'Auditorium Enel di Roma, alla presenza dei vertici della Federcalcio, dei rappresentanti Fifa e di quelli della città di Ravenna, è andato in scena un evento di altissimo profilo, nel quale è stato giustamente celebrata la crescita di questa disciplina negli ultimi anni. Durante l'Official Draw, condotto con professionalità e simpatia da Marco Mazzocchi e Lucia Loffredo e che ha visto presenti diversi ospiti  di prestigio tra cui il campione del mondo con la Francia nel 1998 Christian Karembeu, il primo a parlare è stato il vice presidente vicario della FIGC Carlo Tavecchio, nonché presidente del Comitato Organizzatore Locale di questo evento, il quale ha ringraziato i padroni di casa dell'Enel ed il presidente federale Abete per la sua presenza: "In Italia abbiamo investito in questo sport ed abbiamo ottenuto successi lusinghieri, quali l'argento al mondiale del 2008 ed il titolo europeo nel 2005; inoltre abbiamo riscontrato che il calcio in spiaggia è propedeutico anche per il calcio a 11, visto che sono sempre di più i campioni che d'estate si cimentano sulla sabbia". Poi Tavecchio ha puntato l'obiettivo al futuro: "Abbiamo bisogno che questo sport cresca ancora di più e concedetemi un pizzico di orgoglio, non può non farci piacere che la Fifa ci abbia dato fiducia per l'organizzazione di una Coppa del Mondo". Dopo di lui ha preso la parola Giancarlo Abete nelle vesti di presidente della prima federazione calcistica al mondo a riconoscere, nel 2004, il beach soccer come sua attività ufficiale: "Il Mondiale a Ravenna è un successo della Figc, il cui merito è sicuramente di Carlo Tavecchio che ha creduto per primo in questo sport ed in questa iniziativa. Il nostro paese ha immediatamente percepito l'importanza di questo gioco spettacolare, che oggi cresce in termini di partecipazioni, e nel prossimo settembre abbiamo creato un bellissimo connubio, che parte dal sorteggio a Roma, per far svolgere la manifestazione a  Ravenna (che ha 8 monumenti patrimonio dell'Unesco), soprannominata un mosaico vivente, quindi una realtà che rappresenta bene la dimensione dell' arte, del gioco e dello sport cui va affiancata la qualità dell'ospitalità che di certo sarà all'altezza". Ha concluso la serie di interventi istituzionali il membro della Commissione Fifa Futsal e Beach Soccer Joan Cusco: "Sarà sicuramente una competizione molto combattuta perchè il livello tecnico cresce di anno in anno. Siamo entusiasti di vedere all'opera le squadre e di vivere questa nuova esperienza, sicuri del coinvolgimento della città di Ravenna che renderà l'evento indimenticabile".

Dall'1 all'11 settembre, dunque, si daranno appuntamento a Ravenna le 16 nazionali più forti al mondo. Anche se le fasi di qualificazione non si sono ancora svolte nel CONMEBOL (Sud America), sappiamo già la maggior parte delle squadre che parteciperanno a questo Mondiale. Si sono già assicurate la partecipazione Italia (in qualità di paese ospitante), Ucraina, Svizzera, Russia , Portogallo, Messico, El Salvador, Tahiti, Oman, Iran, Giappone, Nigeria e Senegal. Il Brasile, quindi, avrà bisogno di un successo nelle qualificazioni del Sud America per avere la possibilità di difendere il loro titolo, campione assoluto di questa competizione con un bottino di 4 titoli iridati vinti in 5 edizioni. L'Italia è stata sorteggiata in un girone difficile con Iran, Senegal e la fortissima Svizzera: "Di sicuro non è il raggruppamento più difficile, siamo abbastanza contenti, dipende molto da noi" Dovremo affrontare tutte le gare con la mentalità giusta per non avere grossi problemi". Il commissario tecnico azzurro è convinto della bontà del lavoro impostato fino ad ora: "La squadra la sto scegliendo settimana dopo settimana, 3-4 giocatori di  esperienza ci sono e adesso vicino a loro affiancherò diversi giovani". In conclusione il ricordo va naturalmente alla finale mondiale persa contro il Brasile a Marsiglia 3 anni fa: "Da giocatore ho perso una finale e ora da allenatore mi piacerebbe prendermi una rivincita contro i campioni in carica, il pallone è  rotondo e non si sa mai e la sabbia è piena di insidie, sarebbe bellissima una nuova finale contro il Brasile".

La FIFA Beach Soccer World Cup torna in Europa dopo l'eccellente esperienza di Dubai del 2009 e l'edizione italiana sarà la prima ad essere organizzata secondo la nuova calendarizzazione biennale. I tifosi del beach soccer di tutto il mondo hanno dovuto aspettare, infatti, due anni per vedere la nuova edizione della FIFA Beach Soccer World Cup (le prime 5 edizioni si sono svolte annualmente), in virtù di quello che si pone come uno dei più chiari sintomi di crescita di questo sport. Più forte e più sano ogni giorno, senza dubbio tra le discipline più spettacolari nel panorama sportivo, il beach soccer ha visto aumentare importanza e durata dei tornei di qualificazione, in quanto in ogni stagione partecipano sempre nuove squadre nazionali. In questo l'Italia è stata un precursore in tutto il pianeta, essendo stata la prima Federazione a riconoscere il beach soccer tra le sue discipline ufficiali. 

Durante l'estate, il beach soccer, che rappresenta un condensato unico di intensità e di spettacolarità, appassiona il pubblico italiano grazie alle giocate dei campioni che affollano la Serie A tricolore, prolungando la stagione sportiva laddove il calcio tradizionale si prende un meritato riposo. Un'attenzione ed una capacità organizzativa che, sommata a quelle dei diversi eventi europei svoltisi nel nostro Paese, ha fatto pendere in favore dell'Italia l'assegnazione della World Cup 2011. La scelta di Ravenna quale città ospitante non poteva dunque che essere il connubio perfetto tra ospitalità eccellente, tipica della Romagna, mare, divertimento e cultura: un mix che è già una garanzia di successo. 

Di seguito la definizione dei gruppi della Fifa Beach Soccer World Cup Ravenna/Italy 2011 in programma a Marina di Ravenna dall'1 all'11 settembre (Stadio del Mare)

 

Gruppo A
Italia, Iran, Senegal, Svizzera

 

Gruppo B
El Salvador, Portogallo, Conmebol 2, Oman

 

Gruppo C
Nigeria, Tahiti, Russia, Conmebol 3

 

Gruppo D
Conmebol 1, Ucraina, Giappone, Messico

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -