Ravenna, Accademia occupata: "ma i soldi non bastano..."

Ravenna, Accademia occupata: "ma i soldi non bastano..."

Ravenna, Accademia occupata: "ma i soldi non bastano..."

Timori e tensioni attorno al futuro dell'Accademia di Belle Arti di Ravenna, occupata martedì da alcuni studenti. L'assessore comunale Elettra Stramboulis fa intuire senza grossi giri di parole che i soldi per salvare l'istituto non ci sono. "A molte delle critiche degli studenti risponderemo coi fatti - dice -. Per il resto, se anche il Comune mettesse per l'Accademia 2 milioni di euro, che comunque non ha...", i soldi non basterebbero ad evitare la chiusura di alcuni corsi.

 

"ciascuno deve fare il proprio mestiere", aggiunge l'assessore, e il Comune non puo' far altro che metterci "spazi" e "organizzazione". E firmare quella benedetta convezione con la gemella bolognese per inserirsi in una "rete" dell'altra formazione che le faccia fare il salto di qualita', trasformandola in "istituto di prestigio che dia un'effettiva risposta occupazionale, oltre che artistica". E' cosi' che le istituzioni reagiscono alle critiche degli allievi che questa mattina hanno messo i lucchetti alla scuola di via delle Industrie.

 

L'assessore comunale difende il percorso che prevede la chiusura di tre corsi dell'Accademia (Pittura, Scultura e Decorazione), lasciando il solo Mosaico, la cui gestione fara' capo a Bologna. Per gli studenti, che in una nota diramata nel pomeriggio tornano a chiedere al Comune un passo indietro, le direttive del ministero che l'hanno costretto a questa mossa servono agli amministratori "come scudo per salvare la faccia e scaricare le responsabilita'".

 

Non è dello stesso parere l'assessore comunale, che ha consegnato agli studenti il decredto del 22 gennaio in cui si chiede solo "un regolamento interno e uno statuto". Interpretazione "ingenua", la liquida l'assessore: l'autonomia non basta, "in teoria uno puo' si' far quello che vuole, ma poi  il ministero non gli riconosce i corsi".

 

L'altra strada proposta dagli studenti è quella di tenere aperti i 4 corsi attuali (per cui al momento le iscrizioni sono bloccate) e aprire tutti quelli in piu' chiesti da Roma. Il Comune, conti alla mano, spiega che non è possibile.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'Accademia viene a costare ogni anno quasi un milione di euro" e "non e' vero che non ci si e' mai investito, basta guardare i bilanci". L'assessore invita anche a "mirare un po' piu' in alto": dopo il passo, necessario, verso l'accordo con Bologna, "nulla vieta che in una fase successiva non si attivino altri percorsi per ampliare l'offerta formativa".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -