Ravenna: accoltellano magrebino davanti ad una discoteca, tre condanne

Ravenna: accoltellano magrebino davanti ad una discoteca, tre condanne

Ravenna: accoltellano magrebino davanti ad una discoteca, tre condanne

RAVENNA - Accoltellarono un giovane magrebino recidendogli l'arteria femorale. Due fratelli ravennati di origine campana, Luigi e Michele Ferraioli, 26 e 23 anni, hanno patteggiato davanti al gup del tribunale di Ravenna, Corrado Schiaretti, la pena di tre anni e dieci mesi il primo e quattro anni e tre mesi il secondo. Un terzo imputato, il 27enne cosentino David Stefano, ha patteggiato tre anni e due mesi. I tre vennero arrestati lo scorso ottobre dai Carabinieri.

 

I due fratelli (assistiti dall'avvocato Luca Berger) si trovano in carcere, mentre il terzo (difeso dagli avvocati Battista Cavassi e Domenico Benelli) ai domiciliari. Dovevano rispondere dell'accusa di lesioni volontarie aggravate. L'episodio incriminato, consumatosi davanti ad una nota discoteca di Cervia, risale alla sera del 18 ottobre scorso. Le indagini degli uomini dell'Arma iniziarono seguito ad una segnalazione dei sanitari del locale ospedale che avevano avvertito della presenza di un giovane magrebino con un'accoltellata non grave ad una gamba.

 

Ai sanitari non seppe dare una chiara versione dei fatti, probabilmente ancora scosso e spaventato per una aggressione, a suo dire, dovuta a cittadini nordafricani. Ma i Carabinieri grazie a diverse testimonianze, sono riusciti a ricostruire come sono andati realmente i fatti, individuando in due fratelli ravennati di origine campana i responsabili. Luigi e Michele Ferraioli, insieme al fratello Valerio, 20 anni, solo un mese prima avevano ferito con una coltellata un giovane che si trovava in compagnia dell'ex fidanzata di uno di loro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -