Ravenna: affittò casa a cinque trans, condannato

Ravenna: affittò casa a cinque trans, condannato

Ravenna: affittò casa a cinque trans, condannato

RAVENNA - Aveva affittato un'abitazione a Lido di Savio a cinque transessuali brasiliani, clandestini in Italia, a 2.500 euro al mese. Il proprietario, un fornaio quarantunenne ravennate, è stato condannato con rito abbreviato dal gup di Ravenna Anna Mori ad un anno di reclusione e a 300 euro di multa (pena sospesa) con le accuse di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Il pm Roberto Ceroni aveva chiesto 2 anni di carcere e la confisca della casa.

 

I transessuali vennero fermati lo scorso agosto dai Carabinieri. Uno di questi aveva spiegato ai militari che si prostituiva in una casa a Lido di Savio, dove pagava un cospicuo affitto. Per questo motivo il pm aveva ritenuto opportuno accusare il 41enne anche di sfruttamento di prostituzione. Secondo la difesa la somma sarebbe stata decisamente inferiore. A sostenerlo anche la badante della famiglia del 41enne, anch'essa brasiliana.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna aveva presentato all'imputato uno dei cinque transessuali. Per il primo mese il sudamericano aveva pagato 600 euro che aveva dato alla connazionale per consegnarli al titolare. La difesa non è esclude che a gonfiare quella cifra fosse stato proprio il brasiliano in modo da guadagnare alle spalle dei suoi quattro connazionali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -