Ravenna: aggredì giovane cesenate perchè 'comunista', militante di Forza Nuova a processo

Ravenna: aggredì giovane cesenate perchè 'comunista', militante di Forza Nuova a processo

Ravenna: aggredì giovane cesenate perchè 'comunista', militante di Forza Nuova a processo

RAVENNA - E' accusato di aver sfregiato con una bottiglia di vetro un giovane cesenate perché "comunista". Luigi Guerzoni, un 34enne di Bologna residente a Castel Bolognese, militante di Forza Nuova, è stato riconosciuto dalla vittima attraverso una foto come il suo aggressore durante l'udienza che si è tenuta martedì al tribunale di Ravenna. Il processo è stato rinviato al prossimo ottobre: i giudici hanno accolto la richiesta della difesa di ascoltare altri testimoni.

 

L'episodio si è consumato la sera del 9 luglio del 2005 all'uscita della discoteca "Rock Planet" di Pinarella di Cervia. Il malcapitato venne avvicinato da un gruppo di persone, una delle quali lo sfreggiò al volto con una bottiglia di vetro. La vittima si recò primo al pronto soccorso di Cervia e successivamente all'ospedale ‘Bufalini' di Cesena per le cure del caso.

 

Gli amici del cesenate riconobbero che tra gli aggressori vi erano alcuni componenti della band bolognese di estrema destra "Legittima offesa". Nel corso dell'udienza la vittima, tutelata dall'avvocato Luca Ferrini, ha riconosciuto come suo aggressore Guerzoni. Lo fatto attraverso un album fotografico che gli è stato mostrato dal pubblico ministero Francesco Alvino.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 34enne, già noto alle forze dell'ordine per discriminazione razziale, porto d'armi, fabbricazione di esplosivi, violenze e minacce a pubblico ufficiale, dovrà rispondere delle accuse di lesioni gravissime. Lo scorso novembre venne arrestato a Bologna per aver aggredito un gruppo di universitari di sinistra insieme a tre giovani simpatizzanti di destra. Successivamente tornò in libertà.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -