Ravenna: agivano come criminali incalliti, presi i rapinatori dei supermercati

Ravenna: agivano come criminali incalliti, presi i rapinatori dei supermercati

Ravenna: agivano come criminali incalliti, presi i rapinatori dei supermercati

RAVENNA - Hanno terrorizzato Ravenna assaltando in serie numerosi negozi della città. Non si è fatta attendere la riposta della Giustizia: Carabinieri e Polizia hanno smantellato la banda, composta da cinque giovanissimi. Si sono aperte le porte del carcere per tre bengalesi e due albanesi, di età compresa tra i 17 ed i 26 anni. Alla banda sono state attribuite finora almeno tre rapina, tra le quali quella commessa lunedì sera ai danni di una sala giochi di via Carducci.

 

>LE IMMAGINI DELLA CONFERENZA STAMPA, foto di Massimo Argnani

 

Nel mirino dei giovani, che vivevano una vita dispendiosa, nono lavorando ed alloggiando in un hotel del centro, sono finiti anche i supermercati "Conad" di via Gulli e via Aquilena e l'Eurospin, nei pressi della Rotonda dei Goti. Fallito l'assalto al "Conad" di via Chiavica Romea, perché i dipendenti erano riusciti ad accorgersi del loro avvicinamento sbarrando loro tutte le porte d'ingresso. In tutte le occasioni hanno dimostrato di sapere agire professionalmente.

 

Prima di mettere a segno i colpi, infatti, effettuavano minuziosi sopralluogo all'interno degli esercizi da colpire, mescolandosi ai normali clienti, effettuando ricognizioni dell'area per rilevare la presenza delle forze dell'ordine ed infine posizionando "pali" durante l'esecuzione degli assalti. Inoltre avevano dimostrato di esser particolarmente decisi: nell'ultima rapina, commessa alla sala giochi, avevano costretto al proprietaria della sala giochi ad aprire la cassaforte nel retrobottega.

 

Carabinieri e Polizia, che hanno condotto le indagini partite dai differenti episodi in stretta collaborazione, sono giunti martedì sera a raccogliere le prove schiaccianti nei confronti dei giovani banditi. Nel corso delle numerose perquisizioni nelle abitazioni della banda sono state trovate e sequestrate sia una pistola revolver, artigianalmente modificata ed in grado di sparare colpi calibro 22, che quattro pistole giocattolo scacciane senza tappo rosso, perfette repliche della armi in uso alle forze dell'ordine.

 

Sono, inoltre, state sequestrate cartucce calibro 22 a salve e altre munizioni, tra cui una utilizzata da armi da guerra. Recuperato parte dei provenenti delle rapine, circa 2.800 euro, alcuni cutter, vestiti ed accessori utilizzati durante i colpi e che sono rimasti immortalati nei video delle telecamere di sicurezza. Le indagini, intanto, proseguono per verificare se la banda si sia resa responsabile di altre rapine.


Commenti (1)

  • Avatar anonimo di AD
    AD

    Complimenti alle Forze dell'Ordine: sempre attivi ed efficienti! Un po' meno la magistratura: fra pochi mesi sono già liberi...e pronti a ricominciare.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -