Ravenna: al teatro Alighieri arriva la comicità di Paolo Hendel

Ravenna: al teatro Alighieri arriva la comicità di Paolo Hendel

RAVENNA - Con il nuovo monologo di Paolo Hendel, che ha debuttato appena due mesi fa, si chiude la Stagione di Teatro Comico all'Alighieri di Ravenna. Lunedì 23 marzo alle ore 21 il celebre comico toscano presenterà Il tempo delle susine verdi, di cui è anche autore insieme a Piero Metelli. In questo nuovo monologo Hendel torna a uno dei suoi argomenti preferiti: l'uomo. La "macchina-uomo", con le sue incongruità e i mille problemi di "manutenzione ordinaria". Solo di fronte a se stesso l'animale uomo si interroga sulle sue fragilità, le sue paure, le sue inquietudini: la solitudine, le malattie, la morte, l'insoddisfazione per come va il mondo... E la mente vacilla.

Dietro a tutto, la ricerca della felicità, il bisogno d'amore, da Platone ai reality show, dai versi immortali dei poeti alle bizzarre storie di quotidiana umanità.

 

Espressione della più pungente satira della realtà sociale e politica del nostro paese, Paolo Hendel nasce a Firenze, dove si laurea in lettere. Inizia a scrivere monologhi comici per il teatro come Via Antonio Pigafetta, navigatore del 1981, che lo fanno conoscere al pubblico. Nel 1987 è ospite di Teletango all'interno della trasmissione Va pensiero e, nel 1988, I Martedì di Paolo Hendel, su Raitre. Nel 1990 passa a TMC dove partecipa al programma Banane. Dal 1996 al 1998 e nel 2001 è ospite fisso della trasmissione Mai dire gol, creatura televisiva della Gialappa's Band (che l'hanno voluto anche per il loro primo film, Tutti gli uomini del deficiente del 1999, per la regia di Paolo Costella), dove nasce il personaggio Carcarlo Pravettoni, parodia del più cinico e spietato uomo d'affari. Apprezzato per il suo talento surreale e travolgente, si fa conoscere anche nel mondo del cinema. I Giancattivi lo vogliono sul set del film A Ovest di paperino, poi prende parte a pellicole importanti: nel 1982 è sul set di La notte di San Lorenzo dei fratelli Taviani e, nel 1986, ha una parte in Speriamo che sia femmina di Mario Monicelli. Nel 1988 è tra i protagonisti di Paura e Amore di Margaret Von Trotta e di Domani accadrà di Daniele Luchetti. Nel 1989 lavora a Cavalli si nasce di Sergio Staino e nel 1990 è tra i protagonisti di La settimana della Sfinge di Daniele Luchetti. Il grande pubblico impara a conoscere e apprezzare Hendel anche per le sue apparizioni nei film Il Ciclone e Il pesce innamorato del conterraneo Leonardo Pieraccioni. Particolarmente intensa è la sua attività teatrale: scrive e interpreta monologhi quali Caduta Libera (1990-92), Alla deriva (1992-94), Nebbia in Val Padana (1995-96), Il meglio di Paolo Hendel (1997-99), Occhio alla penna (1999-2001), W l'Italia! (2002-04), Non ho parole (2005-06). Nel 2006 è in scena con lo spettacolo Il bipede barcollante, scritto con Piero Metalli in collaborazione con Sergio Staino.

 

Biglietti: da 10 a 20 Euro. La vendita dei biglietti sarà effettuata la sera stessa di spettacolo, a partire dalle ore 20, presso la biglietteria del Teatro Alighieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Info: 0544/249244 e www.accademiaperduta.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -