Ravenna, al via la stagione 2010. Matteucci: "Pronti ad usare il pugno di ferro"

Ravenna, al via la stagione 2010. Matteucci: "Pronti ad usare il pugno di ferro"

Ravenna, al via la stagione 2010. Matteucci: "Pronti ad usare il pugno di ferro"

RAVENNA - "Marina di Ravenna è una splendida località turistica, ricca di imprenditori che con coraggio stanno costruendo l'innovazione della sua offerta turistica. Abbiamo predisposto tutto e per tempo per l'avvio delle feste in spiaggia: trasporti, pulizia, ordinanze, informazione. Ma faccio quest'appello ai gestori: non fate i furbi e rispettate le regole". Il monito arriva direttamente da Fabrizio Matteucci, sindaco di Ravenna, alla vigilia dell'apertura della stagione estiva 2010.

 

"Il Comitato per l'ordine pubblico ha deciso i controlli. Io sabato sarò a Marina insieme al Comandante della Polizia Municipale Stefano Rossi per vedere di persona come va. L'invito ai giovani è: divertitevi senza andare fuori di testa. L'appello ai gestori: non fate i furbi. Rispettate le regole. L'anno scorso dal primo maggio le cose sono andate abbastanza bene. Deve essere così anche nel 2010 dai primi due week end".

 

"Diversamente - dice Matteucci - siamo pronti ad usare il pugno di ferro. Metto le cose in chiaro prima, per evitare i piagnucolii del dopo sul Sindaco proibizionista. Da un anno c'è una denuncia contro di me da parte dei gestori di un bagno che si sentono dei perseguitati politici. Ma io non mi faccio intimidire. Vado avanti sulla strada del buon senso e del rispetto delle regole. E mi assumo le mie responsabilità. E come Sindaco agisco sulla base dell'articolo 41 della Costituzione che dice: "L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali".

 

"Io difendo il divertimento sano per i giovani. Chi è d'accordo mi dia una mano. Chi non lo è si adegui. Voglio evitare ulteriori giri di vite. Ma c'è bisogno della collaborazione di tutti" conclude il primo cittadino.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -