Ravenna, ambiente: la Provincia protagonista di due progetti europei

Ravenna, ambiente: la Provincia protagonista di due progetti europei

RAVENNA - L'Unione Europea ha appena approvato due importanti progetti in materia ambientale a cui la Provincia partecipa in qualità di partner su due diversi programmi di cooperazione (Europa centrale e Sud est Europa).

 

Il primo progetto, CoP - Cities on Power, è stato presentato dalla capitale polacca, Varsavia, e mette a disposizione della Provincia 288mila euro. Obiettivo del progetto: rafforzare e supportare strategie e tecnologie per l'utilizzo e la produzione di energia rinnovabile nei centri urbani. Cities on Power intende così contribuire all'efficienza energetica e alla diversificazione dell'approvvigionamento energetico, e conseguentemente alla diminuzione di CO2  e al miglioramento della qualità della vita nelle città dell'Europa centrale. La Provincia, all'interno di questo progetto, punterà ad approfondire e a sperimentare un mix di energia solare (termica e fotovoltaica) e di fonte geotermica a basse temperature che utilizza il riscaldamento naturale della terra. Col progetto si completeranno gli studi del Piano energetico provinciale con una mappatura dettagliata delle potenzialità geotermiche del territorio. Si conta inoltre di realizzare un progetto pilota che utilizzi contemporaneamente energia solare e geotermica a favore di un Istituto superiore della nostra provincia. Dalle prime analisi appare particolarmente adatto l'Istituto agrario Persolino di Faenza che potrebbe utilizzare tali fonti non solo per il riscaldamento ma anche per le serre e le temperature della cantina.

 

L'altro progetto UE , approvato sul secondo bando del programma transnazionale Sud est Europa è denominato BE-NATUR - Gestione ottimale e sviluppo dei Siti NATURA 2000. Il capofila è ungherese: Ninfea Environment and Nature Conservation Association. Il budget della Provincia ammonta a 267mila euro. L'obiettivo del progetto è favorire la migliore gestione e implementazione dei siti Natura 2000 dell'eco-regione del Sud Est Europa, con particolare attenzione alle aree umide (fiumi, laghi, zone umide costiere). Lo scambio di know-how e di buone prassi nell'ambito del partenariato saranno la base per la definizione di piani di azione congiunti transnazionali per la conservazione di habitat e specie comuni, al fine di dare concreta attuazione alle Direttive Europee in materia, con particolare riferimento alle Direttive Habitat e Uccelli. Il progetto, cui partecipano i maggiori parchi europei dell'area, è di grande interesse per la nostra provincia che presenta due parchi di grande valore: Parco del Delta del Po e Parco della vena del gesso .

 

"Con l'approvazione di questi progetti - commenta il vicepresidente della Provincia Claudio Casadio - si consolida un risultato di grande valore. In due anni la Provincia ha investito molto sui programmi europei presentando 40 progetti sui programmi di cooperazione territoriale. Il risultato di 11 progetti finora attivati in porto è il frutto di questa scelta lungimirante. Grazie a tali finanziamenti la Provincia potrà, in una fase di ristrettezze finanziarie, sviluppare politiche attive in settori strategici (trasporti, turismo , ambiente, energia) per qualificare il nostro sviluppo e per rafforzare il nostro legame con l'Europa."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -