Ravenna, anche Confindustria contro la tassa di soggiorno

Ravenna, anche Confindustria contro la tassa di soggiorno

RAVENNA - "La nuova tassa di soggiorno, così come previsto nel decreto attuativo del federalismo fiscale municipale, si abbatterebbe pesantemente sull'industria turistica, togliendo ulteriore potere d'acquisto alle già scarse risorse delle famiglie. Occorre una politica lungimirante di rilancio, non un nuovo giro di vite fiscale in un settore che già paga l'Iva più alta e una tassazione media del 31% contro il 24% dei Paesi concorrenti.". Lo afferma Gianluigi Casalegno, presidente del Gruppo Turismo di Confindustria Ravenna.

 

"Tra l'altro - sottolinea Casalegno - questa tassa peserebbe anche  su chi viaggia e pernotta fuori casa non solo per vacanza, ma anche per lavoro o per motivi di salute. Ravenna e altre città della provincia, hanno anche un importante afflusso di clientela d'affari e di chi si sposta per motivi di salute presso strutture sanitarie del territorio. Il danno sarebbe veramente ingente".

 

Commenta Elena David, presidente di Confindustria Aica (Associazione Italiana Compagnie Alberghiere): "Gli interventi ipotizzati colpiscono pesantemente le aziende alberghiere che oltre a dover sopportare la tassa di soggiorno si troverebbero anche a sostenere l'aumento fino al 4 per mille delle aliquote ICI che già gravano pesantemente sulle strutture alberghiere".

 

"Da tempo chiediamo al Governo così come ai Comuni e agli Enti di promozione politiche di sviluppo del settore turistico - continua Casalegno - promozione all'estero, sinergie tra i territori, coinvolgimento nelle scelte strategiche. Abbiamo chiesto la riduzione dell'Iva e incentivi per la riqualificazione delle strutture ricettive. Non vediamo nulla di tutto questo. Anzi, temiamo che i Comuni possano sostenere la tassa di soggiorno per rimpinguare le casse esauste. Il vero federalismo non è questo: il federalismo è far tornare ai territori parte di tasse Iva versate allo Stato, per favorire in loco sviluppo e investimenti. Così invece si infligge un nuovo colpo a un settore vitale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -