Ravenna, anche per le imprese l'acqua è sempre più cara

Ravenna, anche per le imprese l'acqua è sempre più cara

Ravenna, anche per le imprese l'acqua è sempre più cara

RAVENNA - Se la media di aumento del costo dell'acqua nel 2011 sarà del 2,9% rispetto al 4,09% programmato, è vero anche che nel 2012 dal 2,06% programmato l'aumento sarà pari al 2,56%. Mezzo punto percentuale che sommato ai precedenti aumenti porta la tariffa ad un aumento del 15% in pochi anni. "E ciò proprio in un momento di crisi economica che non accenna a diminuire come pure le difficoltà delle imprese del territorio" si legge in una nota di Confcommercio Ravenna.

 

Secondo Confcommercio "le Amministrazioni comunali e i Sindaci dovrebbero mettere in calendario una serie di provvedimenti concreti e urgenti di aiuto, o almeno di non ulteriore appesantimento, nei confronti delle imprese".

 

"Nel periodo 2008-2012 le tariffe idriche subiranno un aumento di circa il 15% (tre quarti dell'aumento è già ricaduto sulle imprese), completamente ingiustificato rispetto al tasso di inflazione e decisamente inopportuno a causa della difficile congiuntura economica. Nei prossimi due anni (2011 e 2012) le imprese subiranno un aumento complessivo del 5,46%.  Nel 2009 l'aumento è stato pari al 4,5%. Anche nel 2010 l'aumento è stato pari al 4,5%. Se a tutto ciò aggiungiamo che nel 2008 la tariffa è aumentata del 6,5%, l'aumento complessivo in cinque anni supererà il 20%".

 

"Ma non c'è solo la tariffa dell'acqua. In un periodo come quello attuale di crisi economica e quindi di minor consumi, Confcommercio ritiene necessario che le Amministrazioni comunali si adoperino almeno per il blocco delle tariffe rifiuti, se non per la loro diminuzione, in quanto la produzione di rifiuti da parte di categorie come ristoranti, pub, bar, alberghi è certamente diminuita e tuttora in calo" continua Confcommercio.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La contrazione della raccolta rifiuti, segnale certo ed inequivocabile che famiglie e imprese consumano meno e quindi producono meno rifiuti, dovrebbe quindi far perlomeno riflettere le Amministrazioni comunali sulla situazione particolare in cui stiamo vivendo e quindi si potrebbe ipotizzare anche un contenimento delle tariffe, e non un deciso aumento.  In questa situazione, Confcommercio della provincia di Ravenna chiede ai Sindaci locali di congelare tutte le tariffe per acqua, depurazione e rifiuti, in modo da evitare un ulteriore appesantimento nei bilanci delle imprese e delle famiglie. Confcommercio auspica anche l'apertura di un tavolo di confronto con le associazioni imprenditoriali al fine di arrivare ad un nuovo piano di adeguamento tariffario che finalmente porti le tariffe al ribasso e senza effettuare aumenti ogni anno, come ormai sta accadendo da un decennio".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -