Ravenna, appello di Confindustria alla Libia: ��Non andate soli��

Ravenna, appello di Confindustria alla Libia: ‘’Non andate soli’’

RAVENNA - Per una strana ironia del destino, il convegno organizzato da Confindustria Ravenna sul tema "Libia, prospettive Mediterranee", gia' calendarizzato da tempo, si e' svolto all'indomani dell'annuncio di Muammar Gheddafi di sospendere la consegna di visti di ingresso ai cittadini europei. Tuttavia, cio' non ha impedito ai conferenzieri di sottolineare come la Libia sia "un Paese dalle grandi opportunita'".

 

Mentre nell'invito si menzionano "il ritrovato equilibrio internazionale" e "i rapporti con l'Italia vivacizzati dal trattato di Amicizia", il presidente di Confindustria Ravenna, Giovanni Tampieri, nel suo intervento ha ricordato che "abbiamo toccato con mano le potenzialita' di sviluppo che ci sono oggi in Libia ed abbiamo deciso di avviare una massiccia iniziativa di penetrazione in quel Paese".

 

Ma il vicepresidente nazionale di Confindustria, Cesare Trevisani, ha messo in guardia gli imprenditori: "Lo scenario libico presenta parecchi aspetti positivi e alcuni punti di debolezza". Se e' vero "dopo la visita della presidente di Confindustria Emma Marcegaglia a Tripoli, ci sono stati alcuni incontri tecnici che hanno portato all'individuazione a Misurata dell'area dove insediare una zona franca e una zona industriale con notevoli vantaggi per le imprese italiane", ha spiegato  Trevisani, e' anche vero che "ci sono ancora alcuni punti deboli come il sistema e l'organizzazione sociale per cui il mio consiglio e' quello di cercare di penetrare sul mercato libico coordinandosi con Confindustria e le altre istituzioni preposte".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -