Ravenna, approvate le linee strategiche per il Piano turistico di promozione locale

Ravenna, approvate le linee strategiche per il Piano turistico di promozione locale

RAVENNA - Il consiglio provinciale  ha approvato a maggioranza - astenuti i gruppi AN-PdL e FI-PdL - le linee strategiche  per la realizzazione degli interventi previsti dal PTPL (Piano turistico di promozione locale).

 

I fondi regionali a disposizione ammontano a circa 550mila euro e sono in gran parte destinati a finanziare il sistema degli IAT e UIT: le somme rimanenti sono destinate alla produzione del materiale divulgativo. Per l'attuazione dei progetti speciali rimangono 50 mila euro.

 

Per quanto riguarda quest'anno, sono in programma diverse attività: Primavera Slow, Notte Rosa, eventi sportivi. Si auspica di ottenere un risultato positivo tenuto conto del momento economico ancora critico. Per l'anno 2012 è difficile delineare scenari, in quanto si prevede ancora una stazionarietà dei consumi. La crisi del nord Africa potrebbe generare delle ricadute positive sul nostro turismo.

 

La Provincia intende rafforzare le proprie potenzialità turistiche anche attraverso l'ampliamento di alcuni segmenti quali le città d'arte. Dal punto di vista dell'offerta turistica (cioè delle infrastrutture e dei servizi) si auspica che nell'anno 2012 gran parte degli investimenti previsti dal POR FESR sarà stata realizzata (interventi a Faenza, Lugo, centro storico di Ravenna, Riolo Terme, Casola Valsenio, percorso pedonale ciclabile della città del sale a Cervia) e che si potrà partire, visto il recente accordo tra Governo e Regioni, con alcuni degli interventi FAS che riguardano la riqualificazione dei centri storici ed altri interventi in zone turistiche (percorso ciclabile dietro le dune di Milano Marittima, rifacimento della zona stradelli a Punta Marina e Marina di Ravenna, palazzo dei congressi di Faenza).

 

Per quanto concerne la mobilità, che costituisce un grande problema per il turismo, si ritiene che il segmento sul quale ci si deve concentrare sia quello ferroviario. La Regione Emilia Romagna, dopo avere esaminato con le Ferrovie le soluzioni possibili per il sistema veloce costiero, ha valutato che esiste la possibilità, a partire da quest'anno, di utilizzare meglio le tratte per potenziare il servizio soprattutto in estate (collegamenti da Ravenna a Rimini).

 

Altro nodo fondamentale è il collegamento tra Ravenna e Bologna che deve senz'altro essere rafforzato. Dal comitato turistico, sostenuto anche in sede di commissione consiliare, è emersa la necessità di rafforzare in modo significativo i collegamenti con il sistema aeroportuale: per il 2012 sarà decisivo cercare di creare, in accordo con Regione, privati ed Enti locali, un sistema di "navette" tra l'aeroporto di Bologna, Ravenna e le località costiere.

Si auspica anche la realizzazione degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle strade prima dell'inizio della stagione turistica. L'attività di promozione viene svolta in prevalenza dalle Unioni di prodotto in Italia e dagli APT all'estero. La Provincia ogni anno collabora e discute con questi soggetti i programmi da attuare: attualmente l'attività all'estero è concentrata in Germania, in alcune zone della Francia e dell'Inghilterra, nei paesi dell'Est europeo compresa la Russia. La Provincia svolge da anni attività di comarketing con alcune Unioni di prodotto ed altri enti: attività culturali, archeologia, Primavera Slow e Prodotti Natura, Notte rosa, Beach games (che ora si svolgono durante tutto il periodo estivo). Oltre alle attività obbligatorie, la Provincia si concentrerà su alcune attività già lanciate e che nel 2012 saranno a pieno regime: il sito che è praticamente pronto. Si tratta di un sito radicalmente nuovo e fortemente interattivo; la Card turistica presentata venerdì scorso. Si tratta di un Card annuale, rafforzata dal punto di vista dell'offerta che si pensa avrà un buon successo.

 

Nel 2012 saranno organizzati alcuni eventi, oltre a quelli tradizionali, finalizzati al turismo estero: Festival europeo della musica giovanile che si terrà dal 17 al 20 maggio, finanziato in gran parte dal POR FESR, ed interesserà le quattro province costiere. Questo evento porterà nel territorio romagnolo 4- 5 mila giovani musicisti con le relative famiglie al fine di fare riscoprire ai giovani europei la nostra costa e le nostre bellezze culturali; Educational per 50 persone, rivolto ad una associazione di operatori turistici cinesi insediati in Europa ma in collegamento con i tour operator cinesi. Si sta cercando di inserire due giorni a Ravenna e provincia all'intero di un percorso che parte da Venezia ed arriva in Toscana. Si tratta di una sperimentazione né facile né sicura che potrà consentire di avvicinare il mercato turistico cinese che è in forte espansione.

 

Le linee strategiche per il 2012  illustrano anche il "turismo crocieristico" che nel 2011 ha registrato un notevole sviluppo e nel 2012 dovrebbe ulteriormente espandersi: si tratta di un segmento turistico caratterizzato da alcuni pregi (muove grossi numeri di persone) e da alcuni limiti (non genera presenze turistiche sul territorio) che nel nostro territorio ha generato afflussi ai musei ed acquisti di ceramiche e souvenir. L'Autorità portuale è riuscita in tempi brevissimi ad attrezzare il porto, gli scavi sono terminati, il nuovo scalo è piuttosto soddisfacente anche dal punto di vista estetico nonostante la presenza della zona industriale. Dal 2012 dovrebbe operare sul porto di Ravenna anche "Costa crociere" ed il porto stesso dovrebbe diventare di imbarco e sbarco e non più solo di toccata dando la possibilità di creare dei pacchetti turistici che prevedano la permanenza per una o più notti a Ravenna. Il progetto europeo denominato Adrimob, di cui la Provincia è lead partner, è finalizzato a favorire l'intreccio tra i collegamenti marittimi in Adriatico ed i collegamenti a terra tramite la realizzazione di navette, di un parco biciclette, di una pensilina . Nel 2012 dovrebbero rendersi disponibili, attraverso la Regione, dei fondi del Ministero del Turismo finalizzati ad ammodernamenti delle imprese private del settore alberghiero (relativi in particolare allo sviluppo del turismo congressuale ed alla destagionalizzazione).

 

"Queste linee strategiche - ha precisato l'assessore provinciale al turismo Libero Asioli - saranno la base per l'approvazione del Ptpl 2012 che il nuovo consiglio dovrà approvare entro settembre. I contenuti testimoniano le prospettive e le potenzialità che ha il nostro territorio per far crescere ulteriormente il settore turistico sempre più strategico per tutte le imprese della nostra provincia."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -