Ravenna, atteso al Pala De Andrè, Giovanni Allevi racconta "Alien"

Ravenna, atteso al Pala De Andrè, Giovanni Allevi racconta "Alien"

Ravenna, atteso al Pala De Andrè, Giovanni Allevi racconta "Alien"

RAVENNA - L'attesa si fa intensa. Dopo le anteprime estere a Los Angeles, in Giappone e a Lugano e reduce dal successo del concerto-evento al Palalottomatica di Roma, l'Alien World Tour del compositore e pianista Giovanni Allevi "atterrerà" sabato 12 Marzo al Pala De Andrè di Ravenna. Continua così, con la nona tappa nella città romagnola, la lunga tournée nei principali teatri italiani per proseguire nuovamente sui prestigiosi palchi del mondo.

 

Giovanni Allevi eseguirà, oltre ai suoi più grandi successi, i brani di "Alien", ultimo album di inediti di pianoforte solo (Bizart/Sony Music), uscito lo scorso 28 settembre direttamente al secondo posto della classifica Fimi-Nielsen. "Gli Alieni siamo noi - dice Allevi - che con la nostra sensibilità, cerchiamo lampi di poesia tra le pieghe dell'esistenza quotidiana. Rifiutando l'omologazione, affermiamo con delicatezza la nostra unicità, facendo della vita un'opera d'arte. E' la musica che ci permette di guardare il mondo con occhi nuovi, tanto da riscoprire l'incanto in ciò che ci circonda, fino a sentirci alieni circondati da alieni."

 

Giovanni Allevi racconta l'album "Alien": "Le composizioni del mio nuovo album sono nate nell'arco di diversi anni da idee ritmiche o melodiche che circolavano nella mia testa senza darmi pace. Avevo bisogno di dare una forma a questa musica che aleggiava in ogni momento della mia vita, dalla quotidiana routine dei pochi giorni a casa alla movimentata e alterata condizione emotiva vissuta durante le performance nelle lunghe tournèe. Ogni frammento aveva però una sua identità precisa che mi ha richiesto di confrontarmi con la sua natura per poter essere strutturato nel tempo. Ne è derivato forse il mio disco più complesso, dove la ricerca musicale è tesa verso la dilatazione delle forme e l'esecuzione verte verso il raggiungimento di una purezza maniacale del suono. In particolare ho sentito il bisogno di usare la forma sonata, una forma musicale storicizzata ma assolutamente attuale, in grado di organizzare in maniera più estesa contenuti ritmici e melodici mutuati però dalla contemporaneità".

 

"Ho voluto chiamarlo "ALIEN" questo nuovo progetto musicale - racconta Allevi - nato lontano dalle richieste del mercato, lontano dalle esigenze discografiche, ma vicino a tutte quelle persone che vogliono vedere oltre la realtà che ci raccontano, oltre quell'universo sconsiderato e infelice che sembra crollarci addosso ad ogni istante. Solo con gli occhi della Musica si riesce a svelare la realtà, a "vedere oltre". E così "ALIEN" è un disco carico di energia, di appassionata vitalità, denso e impetuoso come è la vita che dobbiamo andarci a prendere, e che possiamo afferrare se solo riusciamo a spogliarci dei nostri pregiudizi e di quelli che gli altri ci impongono; se guardiamo all'essenza delle cose, se impariamo a ri-conoscere chi ci è intorno come qualcuno di speciale, se impariamo ad osservare il mondo che ci circonda senza dare nulla di scontato".

 

""ALIEN" è un gesto d'amore nei confronti del reale - conclude il musicista - non la ricerca di un mondo parallelo, non la volontà di fuggire dalle difficoltà del presente, ma la convinzione che qui e ora è l'unico e il migliore dei mondi possibili e che gran parte di quello che viviamo nella nostra vita dipende da noi e dalle nostre scelte. "ALIEN" mi rappresenta in questo momento più di ogni altro aggettivo, nel descrivere l'assoluta esigenza di voler rimanere uguale a me stesso. Paradossalmente, essere se stessi e volere con tutte le proprie forze continuare ad esserlo può sembrare un gesto "alieno", in questo mondo pieno di presupposti e pregiudizi, sovraccarico di definizioni e informazioni. Per questo ho sentito l'esigenza di ribadire che, a volte, sentirsi inadeguato, deriso da una realtà performante e potente, può rappresentare un'irrinunciabile desiderio di rimanere legati alla propria essenza: fragile, delicata, leggera ma coerente a sé stessa e per questo inattaccabile ".

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -