Ravenna: autovelox fissi, le precisazioni di Fronzoni (LpR)

Ravenna: autovelox fissi, le precisazioni di Fronzoni (LpR)

RAVENNA - "Premetto e preciso che nella lotta alla sicurezza stradale tutti gli strumenti a disposizione, dalla prevenzione alla repressione, devono essere messi in campo, vista la recrudescenza di incidenti: con una priorità del controllo umano come ho sempre sostenuto, con ulteriore priorità sul controllo della velocità, che provoca morti e/o incidenti, rispetto ai divieti di sosta, quest'ultimi a rischio sicurezza pari quasi a zero".

 

Così si è espresso il consigliere comunale di Lista per Ravenna, Federico Fronzoni, sulla questione degli autovelox fissi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sottolineo - dice Fronzoni - come non prediliga gli autovelox fissi, che ho richiesto in determinati punti, rispetto a quelli mobili: ambedue, in questo momento, sono necessari e posizionabili nonché utilizzabili ai sensi di Legge, ovviamente. Rilevo infine che, se le strade che ho citato sono state classificate nel PGTU come "strada urbana di quartiere", e quindi normativamente non "adatte" per gli strumenti fissi, abbiamo sbagliato tutti: possono, e devono, essere presto ridefinite in base alla loro effettiva e reale pericolosità, ed a quel punto si potranno utilizzare per il controllo con i necessari strumenti. "SAFETY FIRST" anche sulla strada, come è scritto nelle navi in bella vista. Sperando che sia una battaglia, quella sulla sicurezza stradale, ampiamente unitaria e condivisa".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -