Ravenna, bagnanti in guardia: "Multe salate a chi compra dagli abusivi"

Ravenna, bagnanti in guardia: "Multe salate a chi compra dagli abusivi"

Ravenna, bagnanti in guardia: "Multe salate a chi compra dagli abusivi"

RAVENNA - Alle azioni, preventive e repressive, che la Polizia Municipale sta attuando per contrastare l'abusivismo commerciale lungo il litorale, si affianca una campagna comunicativa tesa a dissuadere i cittadini dall'acquistare merce. "Se i bagnanti, che possono essere sanzionati, evitassero di comprare - dice l'assessore alla Polizia Municipale, Gianluca Dradi - ovviamente verrebbe anche meno l'offerta e quindi la presenza dei cosiddetti 'vù cumprà' sulle nostre spiagge".

 

"Poiché si tratta di una forma illecita di commercio - dichiara l'assessore - gestita da organizzazioni malavitose attraverso persone di provenienza extracomunitaria, la legge sanziona pesantemente chi acquista prodotti dai venditori abusivi".

 

"Le locandine che i titolari degli stabilimenti balneari stanno affiggendo nei loro esercizi servono a rendere tutti consapevoli delle conseguenze che possono derivare dall'acquisto di un articolo anche di scarso valore".

 

La campagna di sensibilizzazione è stata realizzata attraverso locandine e volantini che gli agenti della Polizia Municipale, con il concorso delle associazioni dei commercianti, hanno distribuito negli stabilimenti balneari dei nove lidi.

 

Il messaggio contiene un monito ai potenziali acquirenti informandoli sull'entità della sanzione, prevista dalla legge, pari a mille euro, nei confronti di chi acquista merce dai venditori abusivi.

Vengono inoltre descritti i "punti deboli" della merce in vendita sulla spiaggia: scarsa qualità, utilizzo di sostanze potenzialmente nocive poiché prive di ogni forma di controllo; prezzi solo apparentemente più convenienti rispetto a quelli applicati da negozi autorizzati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -