Ravenna: Bertozzi (FI) attacca sindaco su tariffe per i nidi

Ravenna: Bertozzi (FI) attacca sindaco su tariffe per i nidi

RAVENNA - Mi chiedo davvero a quale seduta di Consiglio comunale abbia assistito il Signor Sindaco lunedì sera: le sue parole lasciano, per l'ennesima volta, basiti. Dire che "Ancora una volta il pregiudizio ha reso cieca l'opposizione. Il centrodestra ha perso due occasioni preziose per dimostrare che, anche se si siede su banchi diversi in Consiglio comunale, si lavora tutti per lo stesso obiettivo: il bene della comunità" fa davvero cadere le braccia. Forse il Sindaco era ancora in clima "Ricordo di Bulow" e ha inviato alla stampa un pezzo del Suo discorso pronunciato in piazza sabato scorso...

 

Stupisce l'accusa che ci viene mossa, quando, invece, proprio sulle delibere relative agli asili nido e ai servizi connessi si è sviluppato un ampio ed acceso dibattito, in Commissione e in Consiglio, così come un paio di mesi fa le nostre proposte sul Regolamento di ammissione ai nidi e alle scuole d'infanzia (tra tutte, la proposta della doppia graduatoria) avevano scatenato le ire della maggioranza (fui accusato di essere un becero razzista ignorante).

 

In questa occasione Lista per Ravenna aveva presentato parecchi emendamenti, ragionevoli e di buon senso: purtroppo nessuno è stato approvato e le delibere in questione non sono state migliorate. Peraltro, sull'ultimo emendamento, si sono contate molte defezioni tra i banchi della maggioranza: ben otto sono stati gli astenuti (faccio notare che di solito le proposte dell'opposizione vengono liquidate in blocco dalla maggioranza senza neppure un accenno di discussione).

 

Ribadisco che lascia alquanto perplessi la proposta di linee di indirizzo per le tariffe di nidi d'infanzia, CREN, CREM, pre-post scuola e trasporto scolastico presentata ieri dall'Assessore Stamboulis. Sarebbe stato interessante sapere quali saranno le nuove tariffe per questi servizi, almeno a livello indicativo: invece non si sa nulla, neppure un'idea, una bozza, una simulazione. Tutto sarà determinato da una successiva delibera di Giunta. Il Consiglio comunale non è stato informato neppure quale retta minima o massima si stia valutando. La certezza è che verranno aumentate per le fasce di reddito più ricche.

 

Si era proposto di portare la soglia di esenzione ad almeno 6.000 Euro anziché i previsti 3.000 Euro, ritenuta troppo bassa e di conseguenza inefficace: la risposta della maggioranza è stata di chiusura totale.

Si era segnalato (anche già al tempo del voto sui Regolamenti di ammissione a questo servizio) che il sistema dei controlli basato sul "ragionevole dubbio" lascia troppi margini di discrezionalità ai dirigenti, mentre andrebbero individuati criteri oggettivi di valutazione più specifici possibile: la risposta della maggioranza è stata negativa.

 

Si era proposto di effettuare in modo più stringente i controlli su tutti coloro che richiedano o abbiano eventualmente diritto, sulla base delle autocertificazioni e autodichiarazioni, ad una retta ridotta o agevolata per l'asilo nido, in modo da evitare abusi e furbizie: la risposta della maggioranza è stata nettamente contraria.

Qui se c'è qualcuno che viene reso cieco dal pregiudizio, non è certamente l'opposizione ma Lei, Signor Sindaco, e la Sua maggioranza, incapaci di valutare con serenità qualsiasi proposta o emendamento provenga dall'opposizione.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marco Bertozzi
Consigliere comunale Forza Italia - P.d.L.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -