Ravenna, blitz anti-contraffazione: sequestrati oltre 7mila pezzi

Ravenna, blitz anti-contraffazione: sequestrati oltre 7mila pezzi

Ravenna, blitz anti-contraffazione: sequestrati oltre 7mila pezzi

RAVENNA - I militari della Seconda Compagnia della Guardia di Finanza di Ravenna hanno messo i sigilli a circa 7.000 targhette, borsette e cinture recanti marchi contraffatti quali Prada, D&G, Fendi, Gucci, Guess e Louis Vuitton. Nelle ultime tre settimane, lo sforzo dei militari ha portato alla denuncia di tre persone e al sequestro di ulteriori 317 pezzi palesemente contraffatti e destinati alla vendita nelle località balneari di Lido di Classe, Lido di Savio e Lido di Dante.

 

Dalle indagini delle Fiamme Gialle, che si sono concentrate in particolar modo nei confronti di depositi e dei grossi distributori, sia nei confronti della cosiddetta "piccola vendita", che coinvolge ambulanti e negozi, è emerso chiaramente che gli articoli contraffatti erano destinati ad alimentare un mercato illecito che, da tempo, si è diffuso non solo nella riviera Ravennate, ma anche in altre località romagnole e che avrebbe fruttato illegalmente svariate decine di migliaia di euro "in nero".

 

L'acquisto degli articoli contraffatti, oltre ad alimentare il mercato illegale nel nostro Paese, può comportare il rischio, a carico dell'incauto acquirente, di incorrere ad una sanzione amministrativa che può arrivare a 10mila euro ed esporre l'acquirente a seri rischi sotto il profilo della sicurezza, dovuti alla carenza di controlli nella fabbricazione ed all'utilizzo di materiali a volte nocivi per la salute, caratteristiche che il prodotto originale, spesso di fascia "alta", garantisce invece al consumatore.

 

Le Fiamme Gialle proseguiranno i controlli finalizzati al contrasto del fenomeno della contraffazione, per offrire la massima tutela ai commercianti onesti e, soprattutto, a salvaguardia della salute dei cittadini.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -