Ravenna, blitz dei Carabinieri durante violenta rapina in un bar: quattro arresti

Ravenna, blitz dei Carabinieri durante violenta rapina in un bar: quattro arresti

Ravenna, blitz dei Carabinieri durante violenta rapina in un bar: quattro arresti

RAVENNA - Sorpresi dai Carabinieri durante il tentativo di una rapina. Quattro cittadini stranieri, due bulgari e altrettanti albanesi, sono stati arrestati nel cuore della nottata tra giovedì e sabato mentre erano impegnati a svuotare videopoker e macchinette cambia monete al bar 'Ca' Rossa' di Ravenna. I banditi sono entrati in azione poco prima delle 3, sorprendendo il titolare dell'esercizio ed una sua dipendente. Il primo è stato picchiato, legato e chiuso in uno sgabuzzino.

 

La ragazza non è stata toccata, ma è stata fatta prigioniera anche le i nello sgabuzzino. Mentre i quattro, con il volto travisato, stavano ripulendo i videogame, sono entrati in azione i Carabinieri che li hanno neutralizzati ed arrestati. A chiedere l'intervento degli uomini dell'Arma è stato qualcuno in transito che aveva segnalato i banditi in azione in via Delle Industrie. Sul posto sono intervenute quattro pattuglie, mentre altre hanno 'cinturato' l'area circostante per impedire la fuga.

 

Uno dei banditi aveva con se pistola giocattolo, modificata però a tal punto da renderla piuttosto uguale ad un'arma vera. Durante l'operazione è stata recuperata la refurtiva: si tratta di assegni e denaro per un valore di oltre 10mila euro. La banda ora è in carcere a disposizione del pm Cristina D'Aniello con le accuse di rapina a mano armata, porto abusivo d'arma, lesioni aggravate e sequestro di persona.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sotto shock il titolare del bar, 55 anni, e la dipendente, 22. Il primo è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso. I medici l'hanno giudicato guaribile in due settimane. Il lavoro dei Carabinieri prosegue per chiarire se la banda ha commesso altri simili colpi in passato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -