Ravenna, campo da baseball San Giuseppe: interviene l'assessore Stoppa

Ravenna, campo da baseball San Giuseppe: interviene l'assessore Stoppa

RAVENNA - "Intervengo sulla ricostruzione, fatta dal consigliere Ancisi, della vicenda relativa alla concessione del campo da baseball del quartiere San Giuseppe. Gli atti e le lettere cui egli fa riferimento sono naturalmente reali ma vanno inseriti e interpretati nel contesto del confronto che ebbe luogo al riguardo tra tutti i soggetti interessati. La premessa è che stiamo parlando di una struttura comunale, che l'Amministrazione ha sempre inteso mettere a disposizione di tutte le società sportive del baseball".

 

Lo ha detto Pericle Stoppa, assessore allo Sport del Comune di Ravenna, in merito al campo da baseball del quartiere San Giuseppe.

 

"E' vero che il Comune ha impegnato importanti risorse per adeguare il campo, già in concessione al Cral Mattei, in modo da consentire al Marina Baseball di partecipare al campionato di A2.

E' anche vero che, in un primo tempo, l'orientamento dell'Amministrazione era di affidare la concessione del campo, una volta adeguato, al Marina Baseball, come risulta non solo dalla mia lettera del 17 ottobre 2008, di cui riferisce Ancisi, ma anche dalla prima bozza di accordo di utilizzo proposta dal Comune alle tre società interessate all'utilizzo del campo, loro trasmessa il giorno 11 novembre 2008".

 

"Successivamente il Comune, la Circoscrizione prima e le società sportive si sono incontrati più volte alla ricerca della soluzione gestionale più idonea, finché le tre società individuarono concordemente come soggetto capofila il Cral Mattei, la cui struttura societaria e organizzativa appariva adeguata alla gestione della struttura. L'accordo di gestione, firmato dalle tre società, assicurava al Marina tutte le condizioni per svolgere al meglio la propria attività, a partire dalla garanzia di poter utilizzare il campo per tutte le partite di campionato e dal diritto di prelazione per la scelta delle date di utilizzo".

 

"Il problema della disponibilità del campo per gli allenamenti - dice l'assessore - non fu sollevato; infatti, rispetto alla bozza di accordo da noi proposta il 29 gennaio 2009, con richiesta di osservazioni conclusive, pervenne al riguardo, dal Marina Baseball, il successivo 2 febbraio, una sola richiesta di integrazione relativa agli allenamenti (accolta!), vale a dire di poter utilizzare il campo per due domeniche prima dell'inizio del campionato. Siamo, occhio alle date, a inizio 2009! Il Marina Baseball sottoscrive l'accordo, salvo poi rivolgersi  al Sindaco per lamentare il presunto torto subito, secondo quanto scrive Ancisi,  oltre un anno dopo, il 1° aprile 2010, cioè solo  una volta riscontrato l'insuccesso del proprio progetto agonistico".

 

"Il tentativo di addossare al Comune inesistenti responsabilità - conclude Stoppa - sarebbe più sorprendente se non avessimo letto, nelle cronache di questi giorni, di come gli ex dirigenti del Marina stiano risolvendo in tribunale i dissidi tra loro esplosi. Non sorprende più, invece, che chiunque voglia attaccare il Comune trovi facile sponda nel consigliere Ancisi, che è così riuscito a ritagliare uno spazio per la sua critica distruttrice anche nel giorno in cui la stampa ha riferito dei successi organizzativi di questa Amministrazione in campo sportivo, con l'assegnazione di una tappa del Giro d'Italia e il rilancio in grande stile della gara podistica Forlì-Ravenna".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -