Ravenna Capitale europea della cultura? ''Serve innovazione''

Ravenna Capitale europea della cultura? ''Serve innovazione''

Ravenna Capitale europea della cultura? ''Serve innovazione''

RAVENNA - Il miraggio della capitale avvicina Pd e Pdl. Ravenna puo' diventare Capitale europea della Cultura nel 2019, "ma non senza sforzi in termini di innovazione e non adagiandosi sugli allori e sui patrimoni inestimabili che Ravenna gia' possiede". Servono innanzitutto infrastrutture e per costruirle e' necessaria la collaborazione di tutti gli enti locali e delle associazioni imprenditoriali. Per la citta' e' "un'opportunita' irripetibile".

 

Il presidente della commissione Cultura in Comune Gianluca Palazzetti, consigliere del Pdl, e' d'accordo, in buona sostanza, con quanto detto dall'assessore Alberto Cassani in commissione Cultura. Il traguardo e' "sicuramente" alla portata, ma serve innovazione: le citta' europee che hanno ricoperto quel ruolo, spiega Palazzetti, ce l'hanno fatta perche', oltre all'innovazione e all'arricchimento del proprio 'mercato' culturale, hanno potenziato il loro sistema infrastrutturale.

 

Sotto questo aspetto "io credo- sostiene l'esponente del Pdl- che tutte le forze politiche economiche e sociali di Ravenna e non solo, come sottolineato dall'assessore, debbano farsi parte attiva per superare quel gap infrastrutturale che vede la nostra citta' difficilmente raggiungibile". Si tratta di difficolta' legate sia a ragioni di carattere storico che culturale, prosegue Palazzetti, visto che Ravenna fu capitale dell'Impero proprio per la sua alta difendibilita'. Ma c'e' anche "una carenza di investimenti in quel settore".

 

Sotto questo aspetto, quindi, "sara' necessario uno sforzo comune per potenziare le linee di collegamento tra Ravenna e le principali arterie di collegamento stradale, autostradale, aeroportuale". Perche' ne potrebbero derivare grandi flussi e ritorni di carattere economico finanziario. (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -