Ravenna, caso Vinyls: salta la trattativa tra Eni e Ramco

Ravenna, caso Vinyls: salta la trattativa tra Eni e Ramco

Ravenna, caso Vinyls: salta la trattativa tra Eni e Ramco

RAVENNA - Sembrava in dirittura di arrivo - come annunciato dal ministero dello Sviluppo Economico lo scorso 5 maggio - la pre-intesa tra l'Eni e la "Ramco", la multinazionale araba che avrebbe dovuto acquisire gli stabilimenti della società petrolchimica "Vinyls", attualmente in amministrazione straordinaria. Ma tutto sembra tornare in alto mare, con il serio rischio a danno dell'occupazione e della ripresa dell'attività produttiva di Porto Torres, Porto Marghera, Ravenna.


"Dopo il Cavaliere bianco (l'imprenditore trevigiano Sartor) anche lo sceicco del Qatar, che pure aveva presentato una manifestazione di interesse finalizzata all'acquisto degli impianti, sembra gettare la spugna", denuncia Alberto Morselli, segretario generale Filctem-Cgil. "Speriamo che non sia vero, perché altrimenti - aggiunge il sindacalista - ci sentiamo presi in giro sulla strategicità dell'industria chimica italiana, più volte conclamata, mai attuata". "Se così fosse, il Governo - una volta per tutte - chiederà all'Eni di farsi carico del ciclo del cloro, indispensabile per il futuro industriale italiano ?". "Basta, non se ne può più con questi balletti! Adesso che - incalza Morselli - i commissari di Vinyls hanno le fidejussioni di Stato, facciano immediatamente ripartire gli impianti, o sarà mobilitazione permanente".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -